La survey 2019 sullo stato del Bim in Italia

A che punto è il Bim in Italia?

Se lo chiede Assobim e lo chiede a tutti gli operatori coinvolti nella lunga ed eterogenea filiera del Building information modeling.

Imprese, produttori, gestori, committenti, progettisti, sono tra le figure correlate alla tematica del Bim.

Dall'utilizzo integrato del software alle buone pratiche, dalla formazione alla certificazione, dai rapporti con le istituzioni a quelli con l'ecosistema produttivo, il tema analizzato da Assobim è ampio e richiede momenti di sintesi periodici.

Da qui la necessità di elaborare survey a cui si può partecipare liberamente rispondendo a una serie di domande online.

Le questioni vanno dalle connotazioni aziendali alle valutazioni che si hanno sul Bim in tema di conseguimento di risultati; dal grado di conoscenza della materia alle valutazioni di impatto; dalla conoscenza della normativa alle tematiche sulla certificazione.

Per partecipare alla survey di Assobim cliccare qui

Riguardo il ruolo, gli obiettivi e le capacità di ascolto dell'associazione, coniugate con le attese del mercato nel 2019 e oltre, è illuminante la videointervista con il presidente di Assobim, Adriano Castagnone.

Come spiega Castagnone, l'interoperabilità garantita dal Bim produce effetti efficacemente ed efficientemente se supportata da un'organizzazione consonante, formata a coglierne le interazioni in tutta la fase progettuale, in quella produttiva, nella rete di rapporti che mne nasce, in una parola, nel mercato allargato.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here