One Island East, modellazione Bim per impianti tecnologici

One Island East fa parte di un complesso di otto grattacieli situati nella baia di Quarry, in Taikoo Place, nella parte orientale dell’isola di Hong Kong e comprende torri per uffici, parcheggi, club, appartamenti per uffici, parchi e negozi.

Sono ospitate oltre 300 aziende internazionali legate principalmente al mondo della finanza, servizi legali, assicurazioni, contabilità, marchi di lusso, media e pubblicità, telecomunicazioni e tecnologia.

One Island East è stato costruito sul sito precedentemente occupato dal Melbourne Industrial Building (edificio industriale di 23 piani demolito nel 2005) e dall’Aik San Factory Building (edificio industriale di 22 piani demolito nel 2005). Alto 308 m, è l’edificio più alto nella zona orientale di Hong Kong ed è composto da 68 piani fuori terra e due piani interrati.

La committenza è la società Swire Properties Limited, uno dei principali sviluppatori e leader di settore coinvolti nella trasformazione che sta avendo luogo nel campo delle costruzioni a Hong Kong.

Bim di lungo corso

Swire ha individuato le enormi potenzialità Bim già dai primi anni del 2000, riconoscendo una metodologia capace di far collaborare efficacemente i soggetti che partecipano alla progettazione e alla realizzazione degli interventi. La collaborazione migliora la qualità dei progetti e ne aumenta l’efficienza, portando a notevoli risparmi in termini di tempi e costi.

Questo edificio è significativo poiché è stato uno dei primi edifici commerciali a uso uffici che ha implementato con successo il Bim ed è riuscito a ottenere esiti particolarmente rilevanti in termini di risultati raggiunti, soprattutto in relazione alla collaborazione e all’integrazione tra le discipline di progetto.

Gli obiettivi che si è posta la committenza erano incentrati sulla riduzione degli sprechi e dei costi di costruzione dell’edificio, sul miglioramento della qualità complessiva dell’opera e sul controllo dei tempi di realizzazione. Un’ultima sfida era legata alla gestione delle informazioni sul ciclo di vita, e quindi la realizzazione di un modello che potesse supportare la fase di gestione e manutenzione.

Per questo progetto, nel 2008, l'American Institute of Architects (AIA) ha conferito a Gehry Technologies il premio "Design/Delivery Process Innovation con Bim", conferiti da AIA Technology nella Architectural Practice Knowledge Community (TAP).

Swire, in quanto committente e proprietario dell’edificio, era responsabile della fase di progettazione, della costruzione ma soprattutto sentiva l’esigenza di poter governare al meglio la fase di manutenzione e gestione del grattacielo nel tempo.

Swire Properties Limited è una società che gestisce centinaia di edifici ed era alla ricerca di strumenti per sovrintendere il processo di progettazione e di costruzione, che potesse collegare le informazioni dell’edificio ai sistemi di Facility Management.

Spaccato del nodello impiantistico e strutturale: piano tipo

Per questo motivo, ha ritenuto fondamentale introdurre il processo Bim di gestione delle informazioni sul ciclo di vita degli edifici. Inizialmente il progetto del One Island Project è stato impostato secondo un processo tradizionale, solo nella fase di progettazione definitiva si è deciso di transitare e implementare la metodologia Bim.

Dopo varie ricerca Swire Properties ha adottato Digital Project come strumento di gestione Bim a livello aziendale, avvalendosi della consulenza di Gehry Technologies (GT) nella prima fase di impostazione del modello e di formazione del personale e del team di progettazione, composto da 4 architetti, 4 ingegneri strutturisti, 6 ingegneri MEP.

Le comunicazioni tra i vari soggetti avvenivano tramite un portale, gestito da Swipe Properties, che è diventato la principale piattaforma di comunicazione per il processo Bim. Oltre che nella fase di progettazione, il modello Bim è stato utilizzato anche per migliorare la qualità delle informazioni di gara e ha reso il processo di redazione delle offerte più efficiente.

Il progetto

La struttura dell’edificio è in cemento armato precompresso con solai pieni. I pavimenti sono sopraelevati di 10 cm per il passaggio degli elementi impiantistici e sono costituiti da pannelli di spessore 15 cm.

Il controsoffitto è composto da pannelli metallici sospesi con illuminazione integrata e prese d'aria condizionata. L’illuminazione principale è realizzata con lampade da 600x600 mm completamente incassate, che possono contenere da uno a tre tubi fluorescenti.

L’edificio è dotato di 28 ascensori ad alta velocità che serve le quattro zone uffici, sei ascensori ad alta velocità che collegano gli atrii principali (G-1/F) e i piani delle lobbies (37-38/F). Inoltre un ascensore è dedicato alla connessione tra la hall principale e il parcheggio sotterraneo. Altri due ascensori sono di servizio per manutenzioni, interventi e per il personale.

Spaccato del modello strutturale e impiantistico: i primi due piano interrati e i primi tre piani della torre

La dotazione per la gestione dell’emergenza elettrica è costituita da sei generatori diesel: due da 1.800 kVA per l'alimentazione di emergenza delle apparecchiature dell’utenza, due da 2.000 kVA per le attrezzature di sicurezza e l'illuminazione essenziale e due da 1.800 kVA per servizi di costruzione essenziali. Il sistema di alimentazione, insieme al sistema di pompaggio, è costituito da due serbatoi di stoccaggio del carburante e tre serbatoi di carburante giornalieri che supportano i requisiti dei generatori.

Jardine Engineering Corporation (JEC) ha installato 17 torri di raffreddamento per One Island East per supportare il sistema di climatizzazione dell'edificio. Le torri di raffreddamento sfruttano la gravità per il loro sistema di distribuzione del flusso e sono di facile manutenzione; inoltre utilizzano un sistema raffreddato ad acqua che offre una migliore efficienza energetica rispetto alle torri di raffreddamento tradizionali.

Per quanto riguarda l’impianto di telecomunicazioni la caratteristica principale è il collegamento con una rete di fibra ottica gestita privatamente ad alta velocità che collega l’area con l’Island East Matrix; inoltre è presente una connettività diretta ai data center satellitari Island East.

Integrazione con il modello architettonico per l'individuazione delle interferenze

Per la sicurezza dell’edificio è stato creato un sistema di controllo con dei badge a tutti gli ascensori e una sorveglianza di sicurezza digitale 24 ore su 24 in tutti i principali punti di accesso. Il sistema di informazione digitalizzata in Bim ha raccolto tutti i dati relativi alla progettazione e alla realizzazione dell’opera e viene tuttora utilizzato per facilitare l’allestimento degli uffici e di tutti gli ambienti in caso di nuovi ingressi.

I modelli Bim degli impianti sono stati realizzati dai diversi team specialistici e contengono, non soltanto la distribuzione principale e le dorsali, ma tutte le parti che compongono i vari sistemi MEP. Le torri di salita sono poste nella parte centrale della torre mentre i canali di ventilazione e le distribuzioni si snodano attorno al core in corrispondenza dei pavimenti e dei controsoffitti.

L’integrazione con le strutture è stata approfondita per ogni interferenza, andando a individuare le collisioni e le possibili modifiche e soluzioni per ovviare alle numerose criticità che il modello evidenzia.

One Island East è stato il più ampio progetto di costruzione basato sul Bim del suo tempo. Questo processo guidato dalla committenza, ha combinato in modo completo le informazioni di progettazione e costruzione tradizionali in un unico modello Bim. Il team di GT Asia ha consentito e facilitato un alto grado di integrazione e scambio di informazioni tra progettisti, appaltatori e clienti.

Modello architettonico, strutturale e impiantistico della torre e immagine della costruzione ai piani delle lobby

One Island East, riscontri positivi

The One Island East ha mostrato molti vantaggi dell'uso del Bim. In primo luogo sono stati assunti circa 50 designer per lavorare in modo collaborativo sullo stesso modello Bim e per rilevare e risolvere le interferenze di progetto. L'uso del BIM infatti ha risolto più di 2000 clash e ciò ha consentito di arrivare in fase di gara con un progetto senza problemi di interferenze. Il modello Bim è stato utilizzato anche per la stima del costo dell’edificio.

Durante la fase di costruzione, è stato utilizzato come strumento di gestione centrale per il processo di produzione, identificando conflitti e problemi ancora prima che avessero un impatto sul cantiere.

Da un’intervista a Martin Riese, Managing Director di GT Asia, si legge: "One Island East è stata una delle implementazioni più consistenti della gestione delle informazioni sul ciclo di vita degli edifici virtuali 3D ancora implementata. Il progetto ha stabilito un nuovo standard per l'utilizzo del Bim sui progetti di costruzione in tutto il mondo. Soprattutto nell'ambito del coordinamento MEP, dei metodi di lavoro collaborativo e della simulazione dei processi di costruzione, questo progetto ha dimostrato i notevoli risparmi ora disponibili attraverso l'implementazione di nuove tecnologie e metodi di lavoro come quelli forniti da GT”.

Esempi di interferenze spaziali individuate tra elementi MEP e strutturali su modello Bim e risolte in fase di progettazione

One Island East, problematiche rilevate

La fase di implementazione iniziale è stata particolamente problematica poiché i progettisti non erano in grado di utilizzare la metodologia Bim e gli strumenti forniti da GT. Solo la forte volontà della committenza ha permesso di arrivare ai risultati. Oltre a fornire una consulenza costante il team di consulenti Bim, progettisti OIE e il project manager hanno lavorato nello stesso ufficio per tutto il primo anno di progetto. Solo quando il coordinamento e la formazione sono arrivati a un livello accettabile il processo ha potuto mostrare i primi vantaggi operativi e le potenzialità che il Bim ha nella gestione delle diverse fasi del processo edilizio.

Il progetto ha aperto la strada all'applicazione del Bim per migliorare il coordinamento della progettazione e la pianificazione del lavoro, riducendo tempi e costi di costruzione.

One Island East, dati di progetto

 

Localizzazione 18 Westlands Road, Taikoo Place, Hong Kong
Committente Swire Properties Limited
Destinazione d’uso Uffici
Progetto architettonico Wong & Ouyang Hong Kong Limited
Progetto strutturale Ove Arup & Partners, Hong

Kong Limited

Progetto impiantistico: Meinhardt (M&E) Ltd.
Consulenza BIM: Gehry Technologies
Cost Management: Levett & Bailey Quantity Surveyor Limited
Costo 300 milioni di dollari circa
Tempo di realizzazione: 4 mesi
Impresa appaltatrice: Gammon Construction Limited
Anno di costruzione 2008
N. piani 70 piani con 2 livelli interrati
Superficie 141.000 mq
Area del piano tipo: 2.270 m2

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here