Home Progetti Arsarc: progetto Bim per edificio smart in Arabia Saudita

Arsarc: progetto Bim per edificio smart in Arabia Saudita

Lo studio Arsarc di Roma è stato fondato nel 2002 da Massimiliano Benga e ha puntato fin da subito ad applicare le nuove tecnologie e a sviluppare un processo di progettazione integrata. Nel 2007 entra a far parte dello studio anche Maria Antonia Russo.

Nel campo della rappresentazione lo studio ha acquisito negli esperienza nella realizzazione di modelli architettonici e urbanistici, utilizzando sia metodi tradizionali, sia nuove tecnologie, come fresa a controllo numerico, il taglio ad acqua e al laser e la stampa 3D, sia il processo Bim con Archicad.

Un traguardo nel processo di implementazione del Bim è stato il progetto della nuova sede centrale UMC in Arabia Saudita, che è stato premiato ai BIM&Digital Awards 2017 nella categoria “Edifici commerciali”.

Questo progetto introduce un processo innovativo all’interno della società committente, in quanto coniuga la rispondenza alle linee guida FCA Fiat-Chrysler (edifici “come vetrine” con grandi ed alti spazi vetrati, in cui è necessario il sovradimensionamento degli impianti HVAC) con la razionalizzazione dei costi di costruzione e di gestione richiesti, affrontando l’aspetto della sostenibilità energetica in un ambiente climaticamente sfidante attraverso un approccio LEED.

L’edificio progettato si sviluppa su 4 livelli più un livello interrato destinato a parcheggio e locali tecnici, per un totale di circa 13mila m². Piano terra, mezzanino e parte del primo sono destinati all’esposizione della concessionaria mentre la restante parte del primo piano e l’attico ospitano gli uffici.

Il design è connotato da elementi di riconoscibilità aziendale come i colori dei pannelli e gli elementi verticali inseriti in facciata, con geometrie e volumi molto caratterizzati come la rampa a forma di ellisse cuspidale che dal piano terra collega i piani superiori ed il grande parallelepipedo, pensato per ospitare impianti, servizi e locali tecnici, che taglia l’edificio orientato verso La Mecca.

Una particolare attenzione in questo progetto è stata riservata alla sostenibilità ambientale e al risparmio energetico con una notevole riduzione dei consumi e dei costi di manutenzione dell’edificio nel suo ciclo di vita.

Massimiliano Benga di Arsarc

Come spiega Massimiliano Benga in una nota, l’obiettivo perseguito è stato realizzare un edificio Smart, compatibile con i protocolli LEED e certificabile in una seconda fase. L’unico strumento in grado di perseguirlo era il processo Bim, con la realizzazione di un unico modello, condiviso tra i vari soggetti, in cui sono confluiti tutti i dati e le informazioni progettuali.

«Ciò ha permesso un totale controllo del progetto nella fase preliminare e definitiva, una riduzione degli errori e delle interferenze tra le differenti discipline progettuali che ha permesso di individuare ed eliminare infinite criticità molto prima della cantierizzazione, e una tempistica più rapida per l’ottenimento delle autorizzazioni. L’utilizzo di Archicad ci ha permesso di creare un “edificio virtuale” utilizzando elementi strutturali “reali” e una grande varietà di oggetti parametrizzati, consentendo inoltre una rappresentazione sia 2D che 3D con aggiornamenti degli elaborati in tempo reale”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Tutorial Bim: l’Ambiente di Condivisione Dati

L'Ambiente di Condivisione Dati, denominato ACDat nella norma UNI 11337-5, o CDE, Common Data Environment, nelle BS PAS 1192 inglesi, è un elemento cardine nell’approccio Bim oriented

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php