Home BIM BIM Validation e livelli di verifica del progetto

BIM Validation e livelli di verifica del progetto

Concetto dalla solida costruzione teorica, la Bim Validation consente, da un lato, di analizzare e valutare il livello di qualità e di coerenza di un modello attraverso un determinato set di regole, dall’altro è il presupposto necessario delle successive fasi di analisi. Questo processo infatti garantisce la presenza nel modello di tutte le informazioni necessarie per un controllo avanzato, inclusi tutti quegli attributi alfanumerici che, in un processo di Information Management correttamente strutturato, rientrano tra i Bim Requirement individuati in fase di redazione del Bim Execution Plan (BEP) e che sono fondamentali per lo scambio informativo tra le parti, nonché per l’affidabilità dei documenti estratti dal modello. Un passaggio essenziale nell’intera economia del progetto, quindi, dove si verifica che il modello sia costruito in coerenza con i requisiti specifici di progettazione definiti dalla committenza e con le finalità da perseguire.

bim assobim
La Bim Validation consente di analizzare e valutare il livello di qualità e di coerenza di un modello ed è il presupposto necessario delle successive fasi di analisi.

Una volta superata questa prima validazione, il modello può poi essere sottoposto ad analisi più specifiche. In particolare la verifica dei dati, delle informazioni e dei contenuti informativi è condotta sul modello informativo dell’opera nel suo insieme e sui singoli modelli, elaborati o oggetti, per ciascuno stadio, in relazione alla specifica fase del processo. Nella pratica, per la sua esecuzione vengono identificati tre livelli di verifica LV di natura informativa: LV1, corrispondente a una verifica interna formale, LV2, che identifica una verifica interna sostanziale, e LV3, corrispondente a una verifica indipendente formale e sostanziale.

La validazione garantisce la presenza nel modello di tutte le informazioni necessarie per un controllo avanzato, inclusi tutti quegli attributi alfanumerici che rientrano tra i Bim Requirement individuati in fase di redazione del Bim Execution Plan (BEP).

Il primo, in particolare, consiste nella verifica dei dati, delle informazioni e del contenuto informativo intesa come verifica della correttezza delle modalità della loro produzione, consegna e gestione così come identificate dal Capitolato Informativo e dal Piano di Gestione Informativa o, in altre parole, come correttezza nella produzione delle informazioni nel modello così come specificato nei documenti contrattuali. Questo livello di verifica del contenuto informativo è garantito dal gestore delle informazioni in collaborazione con il BIM Coordinator.

Nel processo di Bim Validation si verifica che il modello sia costruito in coerenza con i requisiti specifici di progettazione definiti dalla committenza e delle finalità da perseguire.

Il Livello di Verifica LV2, invece, consiste nella verifica dei modelli disciplinari e specialistici, in forma singola o aggregata, intesa come verifica della leggibilità, della tracciabilità e della coerenza dei dati e delle informazioni contenute. La sua esecuzione comporta una verifica delle procedure di determinazione e risoluzione delle interferenze e delle incoerenze, del rispetto degli standard informativi, della coerenza informativa rispetto l’estrazione di dati, del raggiungimento dell’evoluzione informativa dei modelli, degli elaborati e livello di sviluppo degli oggetti e della loro rappresentazione grafica secondo quanto previsto dal Capitolato Informativo e dal Piano di Gestione Informativa. Questo livello di verifica è sviluppato all’interno dei soggetti coinvolti nel processo (committente, esecutori, sub-esecutori) ed è garantito dal gestore delle informazioni in collaborazione con il BIM Coordinator.

La verifica dei dati, delle informazioni e dei contenuti informativi è condotta sul modello informativo dell’opera nel suo insieme e sui singoli modelli in relazione alla specifica fase del processo.

Il Livello di Verifica LV3, infine, prevede la verifica della leggibilità, della tracciabilità e della coerenza di dati e informazioni contenute nei modelli, negli elaborati, nelle schede e negli oggetti, presenti nell’ACDat e nell’ACDoc. Ciò comporta in particolare la verifica delle interferenze e delle incoerenze, del raggiungimento dei livelli di dettaglio, dell’applicazione delle norme specifiche e delle regole tecniche di riferimento, della corrispondenza della matrice delle responsabilità dell’organizzazione definita nel PGI (Piano di Gestione Informativa) e dell’esaustività dei contenuti informativi prodotti in funzione dei requisiti espressi nel CI (Capitolato Informativo). Questo ultimo livello di verifica è responsabilità del committente, che può avvalersi del supporto di un soggetto terzo indipendente come un organismo di ispezione di Tipo A come definito nella norma UNI 10721.

assobim bim
La validazione prevede tre livelli di verifica LV di natura informativa.

Leggi tutti i nostri articoli su Assobim

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

assobim bimvideo

Il BIM e Digital Twin: dal cantiere alla gestione dell’asset

Nel webinar proposto da Assobim saranno trattati due casi applicativi di utilizzo dei Digital Twin in BIM nel ciclo di vita dei fabbricati in particolare nella fase della Costruzione e Gestione degli asset.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php