La gestione dei dati di progetto

Il processo edilizio è caratterizzato da un flusso di informazioni assolutamente eterogenee di tipi di supporto, tipi di dati (informazioni strutturate e non strutturate) e soprattutto per provenienza dei dati stessi.

Il Modello Informativo costituisce il nucleo in cui tutti i dati dovrebbero essere organizzati e resi disponibili a tutti gli attori del processo, dal committente fino al gestore dell’asset: in questo senso dovremmo considerare il nostro modello digitale come un database relazionale che consente di creare una rappresentazione consistente e logica delle informazioni in esso contenute.

Questa enunciazione di principio si scontra spesso con la reale applicazione nel concreto in quanto da una parte risulta difficoltosa l’operazione di astrazione in forma di dato di molte indicazioni progettuali, si pensi ad alcune relazioni specialistiche, dall’altro spesso ci si trova ad operare in contesti in cui, anche per progetti di piccole dimensioni, il numero degli operatori coinvolti è molto articolato in numero e competenze. Ne deriva quindi una frammentazione di input che devono tuttavia essere ricondotte in informazioni coerenti e condivisibili.

Una complessità così evidente non deve tuttavia portare a immaginare che si debba disporre di strumenti altrettanto complessi per poter essere gestita; ciò di cui abbiamo bisogno, oltre ai software di authoring Bim, è spesso nella disponibilità di chiunque abbia un pc e una connessione a internet.

Uno degli strumenti più diffusi e che più di tutti ci vengono in aiuto nella raccolta e gestioni dei dati è certamente il foglio di calcolo (un banale Excel o Google Sheet): semplicità di utilizzo, capacità di raccogliere dati eterogenei (numeri, stringhe, date, etc), possibilità di elaborazione e organizzazione dei dati collezionati, sono solo alcune delle possibilità che possiamo utilmente sfruttare per veicolare le informazioni nei nostri Modelli Informativi; non da meno è la possibilità di raccogliere e condividere i requisiti informativi da e per tutti gli attori impegnati nel progetto, anche e soprattutto per quelli che hanno ancora un livello di maturità informativa basso o molto basso.

Un foglio di calcolo condiviso, in cui ciascun operatore possa implementare le informazioni di progetto di sua competenza e responsabilità, può diventare uno strumento indispensabile e di facile accesso.

I dati raccolti, oltre a poter essere verificati e rielaborati, attraverso l’uso di tool di computational design e, in modo automatico (uso volutamente un termine improprio solo per semplificare il concetto) possono confluire poi nel nostro modello informativo riducendo al minimo la possibilità di errore e di trasferimento manuale delle informazioni di progetto.

I dati collezionati possono poi costituire un valido supporto al processo decisionale se la forma in cui sono resi disponibili sia di facile comprensione e le informazioni siano immediatamente leggibili e confrontabili.

Chi è l'autore

Luigi Dattilo è architetto e BIM Manager per GPA Srl, dove attualmente ricopre anche l’incarico di responsabile R&D.

A questo scopo, l’uso di dashboard interattive consente di poter visualizzare i dati di progetto in oggetti visivi facilmente interpretabili ma soprattutto ci consente di poter filtrare ed evidenziare quelli necessari al nostro scopo e personalizzarli in funzione di ciascun utente; alcuni di questi software sono inoltre gratuiti per la maggior parte degli usi di cui abbiamo bisogno.

In ultima analisi, il problema della gestione delle informazioni di progetto dovrebbe portarci a ragionare di metodo di acquisizione, aggiornamento, strutturazione e condivisione delle informazioni stesse piuttosto che di strumenti.

Nel corso del Digital & BIM verranno illustrati operativamente i concetti espressi applicati ad un caso pratico in cui verrà ricreato un flusso di lavoro attraverso l’uso di Excel per la raccolta e l’elaborazione dei dati di progetto, Dynamo per il trasferimento dei dati al nostro modello informativo e Power BI per la visualizzazione dei dati acquisiti.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here