Home BIM Metodologia Bim e standard IFC presso Studiorinnova

Metodologia Bim e standard IFC presso Studiorinnova

Studiorinnova è uno studio multidisciplinare di progettazione e consulenza, costituito nel 2006. La sua attività si estende dal campo della progettazione impiantistica ed edilizia a quello della progettazione strutturale, con particolare attenzione all’efficienza, al risparmio energetico e al consolidamento sismico degli edifici.

Oggi Studiorinnova conta un team di 16 persone, oltre che diversi collaboratori esterni, e opera in due sedi: quella principale a San Giovanni in Croce (Cremona) e la seconda a Traversetolo (Parmna).

Come spiega il geometra Marco Palazzotto di Studiorinnova, lo studio ha inserito il Bim nel processo interno dal 2013, anno in cui fu acquistato il primo software di Bim authoring, Nemetschek Allplan.

Negli anni il Bim è diventato sempre più importante: dopo Allplan, lo studio ha acquistato Tekla Structures per i progetti in ambito strutturale, e sta valutando l’acquisto di DDS-CAD per la progettazione integrata di impianti meccanici ed elettrici, lavorando quotidianamente con studi che utilizzano Graphisoft Archicad e Autodesk Revit.

Allo Studiorinnova serviva quindi un programma per  gestire le fasi di computazione, di programmazione lavori, di analisi dei costi e budget, di controllo tecnico ed economico, che fosse in grado di interfacciarsi con file provenienti da tutti questi software.

Allo scopo da circa tre anni ha implementato TeamSystem Construction Project Management, soluzione capace di interoperare tramite standard IFC direttamente da qualsiasi software di Bim authoring, senza la necessità di installare alcun tipo di plugin o altro tipo di visualizzatore. TeamSystem Construction Project Management si collega a tutti i software che prevedono l’esportazione di modelli architettonici, strutturali e impiantistici in formato IFC.

Con TeamSystem Construction Project Management ogni articolo di computo metrico rimane collegato agli oggetti da cui sono state ottenute le misure; in caso di modifiche al modello BIM originale il preventivo si aggiorna in automatico.

Altra funzione è il confronto tra modelli, che il software propone in automatico, suggerendo le modifiche al computo metrico di output.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Il Bim e l’interazione con i nuovi device per l’acquisizione dati

L’integrazione fra il Bim e avanzate tecnologie di rilievo ed elaborazione dei dati come il laser scanning, a terra e tramite droni, e i software di gestione ed elaborazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php