Home Costruzioni Digital&BIM, il futuro digitale dell'edilizia è già cominciato

Digital&BIM, il futuro digitale dell’edilizia è già cominciato

Secondo l’analisi effettuata da Senaf in occasione di Digital&BIM& Italia 2019, l’appuntamento dedicato alla digitalizzazione e all’innovazione per l’ambiente costruito che si tiene a BolognaFiere il 21 e 22 novembre, il 40% degli imprenditori che si occupano di produzione e distribuzione di prodotti per l’edilizia ha avviato negli ultimi tre anni un processo di trasformazione digitale, mentre solamente il 22% è ancorato ai vecchi standard.

A oggi le aziende hanno introdotto principalmente soluzioni per la sicurezza informatica (76%) e la connettività (65%), ma entro il 2020 si punterà sull’intelligenza artificiale e la realtà aumentata, al momento ancora poco impiegate.

E se l’innovazione ha trasformato il modo di produrre anche la parte progettuale si è adeguata. Progettare un edificio utilizzando oggetti virtuali 3D che contengano non solo il disegno e la parte grafica, come avviene con la progettazione CAD, ma anche tutti gli aspetti tecnici, le funzionalità e le prestazioni di un oggetto, permettendo di sapere in anticipo se un progetto è sostenibile o meno.

È quanto offre il Bim (Building Information Modeling), piattaforma metodologica che coinvolge tutte le figure del comparto dell’edilizia: dai produttori di impianti e di materiali che dovranno mettere a disposizione gli oggetti disegnati per l’ambiente Bim, agli utilizzatori, come i progettisti, gli studi di architettura e di ingegneria, sino ai fornitori di software.

Secondo il Bim Report 2019 realizzato da Assobim, imprese e professionisti hanno un buon livello di conoscenza della metodologia (meno del 10% dichiara di non conoscerla) e oltre la metà del campione intervistato ha già adottato il Bim nei propri progetti estesamente o parzialmente.

Nonostante il tema sia diventato sempre più centrale, c’è ancora un terzo che non la utilizza affatto, anche se entro i prossimi tre anni questo gap sarà colmato in quanto un ulteriore terzo ha in previsione di adottarla.

E proprio le tecnologie come il Bim, la modellazione 3D, la mappatura e il rendering, la realtà virtuale, l’intelligenza artificiale e altro saranno al centro di Digital&BIM& Italia 2019, due giorni di approfondimenti sui temi che riguardano il futuro dell’edilizia.

L’evento si articolerà tra 5 focus tematici (Digital twin – Intervenire sull’Esistente; Geospaziale, Geomatica e Smart Land; Costruzioni 4.0; BIM e Digitalizzazione; Smart Data e Intelligenza Artificiale); una conferenza internazionale suddivisa in 4 sessioni con la partecipazione di top speaker europei e della community dei giovani professionisti di Italians in Digital Transformation UK (IDTUk); 5 Convegni; 4 Laboratori di approfondimento; 11 Arene tematiche e un’area dimostrativa dedicata alle Costruzioni 4.0. Non solo esposizione, quindi, ma oltre 50 sessioni di formazione e informazione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

assobim bimvideo

Il BIM e Digital Twin: dal cantiere alla gestione dell’asset

Nel webinar proposto da Assobim saranno trattati due casi applicativi di utilizzo dei Digital Twin in BIM nel ciclo di vita dei fabbricati in particolare nella fase della Costruzione e Gestione degli asset.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php