Home Smart home Sostenibilità: The Shell, la casa senza sistemi di riscaldamento

Sostenibilità: The Shell, la casa senza sistemi di riscaldamento

Ideal Standard fa sapere di aver collaborato con lo studio Piraccini+Potente Architettura per la costruzione di The Shell, una abitazione a Cesena progettata in standard Passivhaus, in grado di assicurare il riscaldamento utilizzando le fonti energetiche passive, come radiazioni solari, calore del corpo umano e quello prodotto dagli elettrodomestici.

Non sono presenti, quindi, sistemi di riscaldamento attivi come termosifoni, riscaldamento a pavimento, ventilconvettori.

L’unico impianto presente è una ventilazione meccanica controllata con recuperatore di calore, capace di far respirare l’edificio espellendo aria viziata ed immettendo aria dall’esterno: tramite uno scambiatore di calore presente nell’impianto, la temperatura dell’aria espulsa trasmigra in quella immessa, evitando così perdite di energia.

Tutto il progetto è stato realizzato tenendo conto dei bassi consumi e del minor impatto possibile sull’ambiente.

Il fabbisogno energetico dell’edificio è basso: in termini di climatizzazione estiva ed invernale, l’edificio produce più energia di quella che consuma, utilizzando un impianto di soli 3kW.

Il comfort indoor è elevato tramite un controllo dell’aria interna capace di eliminare agenti inquinanti esterni ed interni, fenomeni di aria secca o umida e ridurre la CO2. Inoltre, non utilizzando fonti energetiche combustibili, le emissioni in atmosfera sono zero.

the shell

The Shell, il riscaldamento

L’involucro edilizio è stato progettato con una forte integrazione di materiali isolanti, dei sistemi per garantire la tenuta all’aria ed il controllo dei ponti termici. La posizione delle finestre, invece, è stata calcolata per consentire la massima luminosità e il più elevato apporto termico prodotto dai raggi del sole che entrano.

L’edificio sfrutta la diversa inclinazione del sole nell’arco delle stagioni al fine di sfruttare il calore prodotto dalla radiazione solare. Nei mesi invernali, i raggi solari, che presentano una bassa inclinazione rispetto lo zenit, penetrano attraverso le finestre riscaldando naturalmente gli ambienti interni; mentre, durante l’estate, la forte inclinazione della radiazione solare viene respinta da uno schermo solare che avvolge completamente la casa, evitando il surriscaldamento.

Le luci e gli interni

Sotto l’aspetto compositivo l’edificio è stato progettato al fine di generare un alternarsi di luci ed ombre. Lo schermo solare in legno, che avvolge interamente la costruzione, oltre agli aspetti funzionali di natura bioclimatica, diviene un efficace elemento emozionale capace di modificare, nell’arco dell’intera giornata, la percezione della luce. L’involucro interno che definisce il reale perimetro dell’abitazione, essendo di colore scuro, si mimetizza nel sistema delle ombre portate dallo schermo solare.

Queste ombre smaterializzano l’edificio, creando giochi di spazi e luci. Durante le ore notturne il principio si inverte, la luce proiettata dall’interno dell’involucro trasferisce le ombre sullo spazio esterno, trasformando l’edificio in una grande lanterna.

Gli interni sono stati progettati con arredi disegnati su misura. Gli aspetti relativi alla sostenibilità ambientale, che hanno caratterizzato l’intero progetto, si riflettono anche sulla scelta dei materiali e delle finiture degli arredi, realizzati con legno naturale di rovere e marmo di Carrara, utilizzando collanti privi di emissioni di formaldeide.

La pavimentazione interna è stata realizzata con un massello di cemento trattato al quarzo e il consistente spessore della pavimentazione favorisce l’inerzia termica: la capacità di assorbire il calore del sole durante il giorno per rilasciarlo nelle ore notturne e una barriera posta sul lato inferiore impedisce alle emissioni di gas radon, presente nel terreno, di penetrare all’interno dell’abitazione. E la sua superficie, continua e priva di giunti, è caratterizzata dal colore grigio, caratteristico delle sabbie di arenaria tipiche della zona.

Le porte interne, della stessa altezza delle porte finestre, sono state progettate per essere installate senza cornice, a filo muro, a vantaggio di una razionalizzazione e semplificazione delle forme.

Il corridoio della zona notte è caratterizzato da una boiserie in legno all’interno della quale si fondono, mimetizzandosi, le porte di accesso ad altri ambienti.

L’isola della cucina, progettata come un monolite in marmo di Carrara, si relaziona all’armadio in legno alle sue spalle, avendo le medesime dimensioni dell’incavo marmoreo.

Ambiente bagno

Per gli ambienti bagno, da giornoe da notte, lo studio di architetti si è affidato a Ideal Standard. Come nel resto della casa qui trovano spazio elementi di arredo in marmo e legno che richiamano la semplicità e la razionalità dell’intero progetto.

La selezione di prodotti Ideal Standard comprende il lavabo Ipalyss, sottile ed elegante, ma anche robusto grazie all’innovativo materiale Diamatec brevettato dall’azienda e i sanitari Tesi, una vera icona del bagno italiano. Nel progetto è stata inserita anche la collezione Strada II, con i lavabi dalle forme morbide e dalle linee contemporanee, e i sanitari sospesi dal design minimal e delicato. I vasi di entrambe le collezioni, Tesi e Strada II, sono dotati della tecnologia AquaBlade, il nuovo standard per i sistemi di scarico che garantisce un design migliorato e una maggiore igiene.

Per contribuire ulteriormente al risparmio idrico, nel progetto è stato inserito Prosys, la soluzione di installazione e risciacquo completa per tutti gli elementi del bagno (vasi, bidet, lavabi, orinatoi e docce) che consente di risparmiare fino a 0,5 litri d’acqua ad ogni scarico.

Le aziende coinvolte in The Shell sono Ideal Standard, sanitari; Catellani&Smith, illuminazione interna; Flos, illuminazione interna; Augenti Lighting, illuminazione esterna; Finstrall, serramenti esterni (tramite edilpiù forlì); Cole&Son, carte da parati; Nanotech inside, pitture termoriflettenti.

 

 

1 COMMENTO

  1. Complimenti un ottimo progetto
    Avete una costruzione da vedere?
    Per una casa standard avete un prezzo base da cui partire?
    Cordiali saluti
    Grazie

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Il Bim e l’interazione con i nuovi device per l’acquisizione dati

L’integrazione fra il Bim e avanzate tecnologie di rilievo ed elaborazione dei dati come il laser scanning, a terra e tramite droni, e i software di gestione ed elaborazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php