Home Progetti Acca vince ancora il buildingSMART International Awards

Acca vince ancora il buildingSMART International Awards

Acca Software ha vinto per il secondo anno consecutivo il primo premio buildingSMART International, assegnato al summit mondiale di buildingSMART, svoltosi quest’anno in edizione virtuale.

Acca ha ricevuto quest’anno il riconoscimento nella categoria Technology Leadership Award, categoria che premia le aziende in base allo sviluppo e utilizzato tecnologie per superare le sfide dell’interoperabilità, e quindi per l’utilizzo dell’openBIM.

Il progetto vincente

Il progetto vincitore presentato da Acca, usIFC.server, è una soluzione tecnologica applicata sviluppata sulla base dello schema buildingSMART.

Nella sua categoria ha superato centinaia di importanti progetti internazionali, vincendo sui finalisti:

BEXEL Consulting (Slovenia) – “Project Management of Novo Brdo Residential Complex Project utilizing intelligent openBIM workflows”

BIM&Scan (Irlanda) – “BIM&Scan AutoCorr and AutoGen”

Ineco (Spagna) – “InBIM”

Lendlease (Australia) – “A modular tookit for developing openBIM data pipelines”

Norwegian Public Roads Administration (Norvegia) – “Machine Readable Norwegian Classification Manual for Bridge Registrations”

Per il Ceo di Acca, Guido CianciulliAcca è la prima azienda al mondo nella Tecnologia openBIM; sono orgoglioso di miei 200 ragazzi ed entusiasmato da quanto stiamo facendo. Siamo protagonisti di un cambiamento epocale della storia dell’umanità. Ne dobbiamo essere fieri.Tanti sacrifici sono ripagati da grandi risultati. Dobbiamo ritenerci dei fortunati a poter esprimere le nostre capacità e a lavorare serenamente anche in momenti tanto difficili”.

usIFC.server è un cambiamento tecnologico epocale

Antonio Cianciulli, Direttore Marketing di Acca, dice che usIFC.server è “una tecnologia rivoluzionaria che permette a qualsiasi client di leggere e modificare un file IFC condiviso in cloud”.

Si tratta, per Antonio Cianciulli, di “un cambiamento tecnologico epocale, come passare dalla fotografia alla proiezione cinematografica, non più semplici fotogrammi da scambiare, ma un flusso continuo di dati che modifica il modello qualsiasi sia lo strumento usato per la modifica e chiunque lo modifichi da qualsiasi luogo e con qualsiasi strumento. Una tecnologia innovativa che abbiamo applicato al nostro settore di riferimento, ma che sono certo troverà applicazione in ogni ambito, rappresentando davvero una svolta storica, un cambio di paradigma: una tecnologia che definirei democratica, fruibile in assoluta libertà da tutti gli user, con vantaggi per tutti. La centralità non è più al PC, come accadeva fino a qualche anno fa, o al cloud; la centralità è al dato, asset fruibile in termini non solo di visualizzazione, ma anche di modifica e aggiornamento da dove si vuole, ma soprattutto con qualsiasi strumento si vuole, potendo non essere più legati a strumenti proprietari. Notevoli i vantaggi che l’applicazione di una tale tecnologia potrà portare a qualsiasi settore: immaginiamo ad esempio i vantaggi in termini di economicità, scalabilità, utilizzo che il suo impiego potrebbe portare all’interno della nostra Pubblica Amministrazione”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Il Bim e l’interazione con i nuovi device per l’acquisizione dati

L’integrazione fra il Bim e avanzate tecnologie di rilievo ed elaborazione dei dati come il laser scanning, a terra e tramite droni, e i software di gestione ed elaborazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php