Home BIM Autodesk, il Bim abilita la progettazione di Caselle Open Mall

Autodesk, il Bim abilita la progettazione di Caselle Open Mall

Autodesk Italia ha annunciato che R&P Engineering ha scelto BIM 360 e le proprie soluzioni di progettazione AEC Collection per l’ideazione e progettazione di Caselle Open Mall (COM), destination center che sarà realizzato a breve alle porte di Torino.

Il COM sarà un sito polifunzionale all’avanguardia di circa 114mila metri quadrati dedicato agli acquisti, ai servizi alla persona e al tempo libero e pronto ad accogliere 230 negozi, 50 punti di ristorazione e spazi destinati allo sport, all’entertainment e agli uffici.

Quest’innovativo destination center sarà ospitato all’interno di un’area complessiva di 350mila metri quadrati progettata ex novo alla cui base vi è uno studio approfondito di fabbricati, impianti, strutture e forma del paesaggio circostante, nonché dell’impatto sulla viabilità e sul territorio. Il tutto con un incredibile volume di dati da raccogliere, analizzare e condividere in tutte le fasi del progetto, dallo sviluppo del modello all’attività di cantiere fino alla gestione successiva, con il tenant coordination – pilotage e il facility management.

Un progetto innovativo e ambizioso quanto complesso e impegnativo a cui R&P Engineering, già alla regia progettuale del Serravalle Designer Outlet, ha deciso di lavorare utilizzando BIM 360 e le soluzioni di progettazione Autodesk AEC Collection. Una scelta fortemente voluta da Paolo Roveda, CEO di R&P Engineering, in accordo con il Direttore Tecnico Paolo Morgavi, che hanno introdotto la gestione BIM dei processi all’interno dei meccanismi e dei sistemi di operatività della società.

Il BIM e l’impiego di un modello digitale hanno permesso la progettazione architettonica, strutturale e impiantistica, così come la realizzazione di un Common Data Environment (CDE), uno spazio di lavoro condiviso da tutte le parti coinvolte del progetto che ha permesso lo scambio di dati e materiali aggiornati in tempo reale.

Nello specifico del progetto, Luca Oscar e Alessia Bernardotti, rispettivamente BIM Manager e BIM Coordinator presso R&P Engineering hanno creato un team interno di oltre dieci persone dedicato specificatamente alla progettazione architettonica e urbanistica, supportato da un team di studi tecnici specializzati per lo sviluppo delle componenti strutturali, impiantistica e anti-incendio, tutte integrate nel modello multi-dimensionale creato con le soluzioni Autodesk.

Grazie alle soluzioni Autodesk, R&P Engineering ha creato un unico modello virtuale con dati e contenuti sempre aggiornati che permette di condividere tutti gli avanzamenti del progetto grazie a un’unica piattaforma di sviluppo centralizzata e utilizzata dagli architetti, dagli ingegneri e dai progettisti coinvolti. Ciò consentirà di avere sempre a disposizione l’ultima versione del modello sviluppato per verificare in tempo reale le strutture e gli impianti e ridurre al minimo i rischi di interferenze ed errori nell’attività di cantiere che partirà a breve.

I benefici derivanti dall’utilizzo delle soluzioni software di Autodesk sono dunque innumerevoli, primo fra tutti la possibilità di lavorare allo stesso tempo con disegni e dati sempre aggiornati all’interno della piattaforma di collaborazione BIM 360 con un livello di dettaglio elevatissimo e richiesto da un progetto di così grande portata. Ciò permette anche un incredibile risparmio di tempo e di riduzione del rischio di errore, con una risoluzione dei problemi effettuata direttamente con BIM e con il 40% del tempo in meno rispetto a una metodologia tradizionale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Il Bim e l’interazione con i nuovi device per l’acquisizione dati

L’integrazione fra il Bim e avanzate tecnologie di rilievo ed elaborazione dei dati come il laser scanning, a terra e tramite droni, e i software di gestione ed elaborazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php