Home Progetti Il progetto Bim per la ristrutturazione di un centro sportivo

Il progetto Bim per la ristrutturazione di un centro sportivo

Un progetto dell’architetto Paolo Chiappero realizzato insieme al geometra Federico Caon in qualità di Bim operator, riguardante i lavori di ristrutturazione edilizia, efficientamento energetico e ampliamento del centro sportivo Monviso Sporting Club di Torino, ha ottenuto la Menzione Speciale della Giuria al DIGITAL&BIM AWARDS 2019 di Bologna nella Categoria 1 – edifici commerciali, terziario e di grande dimensione.

Lo studio di progettazione Paolo Chiappero Architetto ha adottato per la progettazione architettonica e strutturale con metodologia Bim.

Caratteristiche del progetto

Il progetto di ristrutturazione del Monviso Sporting Club è stato attuato per lotti funzionali dal 2015 al 2019 per la realizzazione di una struttura mutidisciplinare con:

  • 11 campi tennis
  • 5 campi padel tennis
  • 3 campi beach volley chiusi stagionalmente e con sabbia riscaldata
  • 1 campo di calcio
  • 2 piscina all’aperto
  • 1 Stadio tennis con tribuna da 1500 posti
  • 1 Club house da 1500 mq con : spogliatoi, bar ristorante, reception, asilo, palestra, spa, coworking, sala convegni.
  • 10’000 mq aree verdi.

L’investimento complessivo di progetto è di 3 milioni e 500mila euro, di cui 2 milioni e 500mila già realizzati.

Obiettivi e scelte del progetto

Il progetto Monviso Sporting Club intendeva ealizzare un centro sportivo che fosse non solo un punto di svago ma anche il riferimento e veicolo di uno stile di vita sano e sostenibile.

Un circolo in oggetto ha come obiettivo quello di diventare un luogo di supporto alla quotidianità fornendo anche servizi accessori che possano ridurre gli impegni di tempo e la necessità di mobilità veicolare degli utenti.

Oltre gli spazi sportivi veri e propri, la realizzazione del coworking e dell’asilo, consente a molti fruitori del Club di associare impegni lavorativi e/o familiari a quelli dello svago.

Stante le notevoli sfide progettuali lo studio di progettazione ha optato fin dallo studio di fattibilità tecnico-economica per l’utilizzo di un software di Bim authoring (Edificius Acca).

Tutte le strutture sportive sono state progettate per rispettare i parametri di omologazione CONI e nell’ottica dell’efficienza energetica con i seguenti criteri.

L’illuminazione dei campi da gioco è stata realizzata con sistemi a LED ad alta efficienza energetica.

I campi da gioco sono stati illuminati con proiettori ad alta efficienza a LED per raggiungere i livelli di illuminamento richiesti dalle Federazioni (300 lux) con controllo della qualità (uniformità , intensità e antiabbagliamento).

In questi anni sono state realizzate tre nuove coperture pressostatiche ad doppia membrana (ad alta efficienza energetica) per la copertura invernale dei campi da gioco.

Le  coperture sono state co-progettate in collaborazione con la ditta Canobbio Textile Engineering al fine di ottenere una conformazione ideale per l’omologazione agonistica dei campi.

In particolare la copertura dei due campi da padel tennis è stata attuata con una innovativa metodologia (unica in Italia) che prevede la realizzazione di una tribuna perimetrale in c.a.p. semplicemente appoggiata al suolo per il sostegno della copertura pressostatica.Si è ottenuto così, un vero e proprio palazzetto per 200 spettatori.

Il palatennis è derivato dalla ristrutturazione integrale di una struttura in acciaio degli anni 70. I nuovi tamponamenti sono stati eseguiti con pannelli sandwich in lamiera con interposti 10 cm di poliuretano.  Inoltre è stato attuato uno studio sul clima acustico per lo smorzamento dell’eco dei colpi tramite una controparete fonoassorbente nei primi 2ml.

La realizzazione degli spazi comuni (club house e aree esterne) è stata fatta in modo da dare l’immagine di un ambiente sano e integrato nell’ambiente circostante. Il passaggio in realtà virtuale immersiva del Bim ha consentito di attuare scelte formali in accordo con la Committenza.

 

Bim e cloud per omologazione e budget

Gli aspetti più complessi della fase di progettazione hanno riguardato la geometria delle strutture per ottenerne l’omologazione e il rispetto del budget stabilito.

Gli obiettivi sono stati ottemperati mediante l’adozione di metodi di progettazione Bim (totalmente svolta dallo studio) e sistemi di condivisione dei file in cloud per l’interscambio in tempo reale dei modelli di progetto con le imprese per l’esecutivizzazione delle strutture.

In questo modo, i file esecutivi (IFC o CAD) , forniti dall’impresa sono poi stati riassunti nel modello Bim originale.

Sotto l’aspetto gestionale, la drastica riduzione dei consumi energetici (65%), ha consentito di generare margini di bilancio operativi importanti.. La qualità delle strutture sportive ha invece generato notevole riscontro nei praticanti agonisti e non. Il numero degli iscritti è in trend crescente da tre anni.

Negli anni 2015 e 2016 il nuovo circolo sportivo è stato giudicato meritevole ospitare un tappa dei tornei professionistici di tennis ATP 50mila dollari superando tutti gli standard richiesti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Tutorial: il Bim per il facility management

L’approccio Bim al Facility Management è in grado di fornire un decisivo apporto non solo in fase di progettazione ma anche di gestione e manutenzione di quanto costruito

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php