Home Smart city Edifici a impatto zero: Eurotherm di Schneider Electric a Guanzate

Edifici a impatto zero: Eurotherm di Schneider Electric a Guanzate

La sede di Eurotherm, azienda del gruppo Schneider Electric che si trova a Guanzate (Como) è il primo degli edifici italiani a diventare Zero CO2 abbattendo le emissioni di anidride carbonica e di altri gas serra utilizzati nelle infrastrutture e nell’operatività dell’edificio.

La definizione Zero CO2 per Schneider Electric significa che un sito utilizza esclusivamente fonti energetiche rinnovabili, acquistate da fornitori o prodotte sul posto.

Inoltre le emissioni devono essere abbattute senza ricorrere all’acquisto di crediti (carbon credit); i dati al riguardo devono essere comunicati in modo trasparente.

Rendere i propri edifici carbon neutral o Zero CO2 è parte integrante degli obiettivi di sostenibilità di Schneider Electric.

Il gruppo si è impegnato a rendere entro il 2025 la propria operatività Carbon Neutral, eliminando le emissioni generate direttamente dalle proprie attività (emissioni di ambito1, 2 definite dal protocollo GHG) e a raggiungere, sempre per le proprie attività, l’obiettivo net zero CO2 entro il 2030;  infine, l’azienda intende portare  tutta la sua catena del valore  a essere Net Zero CO2, eliminando quindi anche le emissioni indirette (emissioni di ambito 3) entro il 2050 (obiettivi stati annunciati in occasione della conferenza COP 25).

La sede di Guanzate di Eurotherm by Schneider Electric è un edificio di 2000 metri quadrati, costruito nel 1984, in cui lavorano più di 60 dipendenti. Come parte del gruppo, l’azienda realizza da oltre 50 anni soluzioni di automazione industriale e controllo di processo per settori regolamentati (ad esempio il farmaceutico) e non regolamentati; partner di fiducia per i suoi clienti, Eurotherm offre tecnologie che rispondono a esigenze specifiche con un valore aggiunto in termini di efficienza e risparmio sui costi.

Per ottenere l’obiettivo Zero CO2 l’edificio è stato sottoposto a una riqualificazione energetica, tuttora in corso: i sistemi di riscaldamento e raffrescamento sono stati sostituiti con pompe di calore (ad aria), l’illuminazione è stata ottimizzata per ridurne i consumi, adottando il 100% di lampade LED ad alta efficienza per l’illuminazione esterna e il 60% di lampade LED ad alta efficienza per l’illuminazione interna.

Ad alimentare gli impianti, esclusivamente energia proveniente da fonti rinnovabili, con un mix energetico garantito dal contratto siglato con il fornitore. Il completo abbattimento delle emissioni dell’edificio evita la produzione di 90 tonnellate di CO2 ogni anno.

A Guanzate si persegue la sostenibilità anche con altre iniziative, quali la sostituzione progressiva dei 45 veicoli aziendali con veicoli ad alimentazione ibrida (attualmente sono il 20% del totale) e la disponibilità di stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Scelte importanti e in linea con l’obiettivo di convertire entro il 2025 tutta la flotta aziendale globale in ottica green.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: Hbim, gestire le dimensioni oltre al 3D

Con Hbim si indicano quei progetti che applicano la metodologia Bim agli interventi di recupero del patrimonio esistente. Un caso scuola illustrato da Stefano Amista di Teamsystem Construction e dall'architetto che lo ha seguito, Ilario Tassone

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php