Home Smart city Smart building con FTTH: il progetto Borgo a Mare

Smart building con FTTH: il progetto Borgo a Mare

Realizzato in Puglia il più esteso impianto italiano in tecnologia FTTH, Fiber to the Home, firmato Bticino: 88 ville connesse.

Borgo a Mare è un complesso residenziale di recente costruzione alle porte di Bari, realizzato in classe energetica A+ da De Fazio Costruzioni.

Il complesso si estende su una superficie di circa 60mila mq ed è composto da 88 ville indipendenti, tutte abitazioni smart.

Concepito nel rispetto del territorio circostante e dell’ambiente, Borgo a Mare è caratterizzato da edifici a un solo piano ad alto isolamento termico, con pannelli fotovoltaici, ricircolo dell’acqua piovana e tecnologie all’avanguardia.

Una delle scelte progettuali è stata quella di non utilizzare antenne televisive.

A tal fine, oltre a creare le reti in rame e in fibra ottica necessarie alla connessione Internet, è stata realizzata un’infrastruttura per la distribuzione del segnale televisivo e satellitare.

Data l’estensione del complesso di Borgo a Mare è stato necessario utilizzare cavi in fibra ottica, che arrivano sino alle prese TV di ogni singola villa.

A occuparsi dell’installazione di quello una nota di Bticino definisce “il più grande impianto italiano di FTTH“, è stata la Steme, azienda barese specializzata in impianti di distribuzione dei segnali TV e digitali.

FTTH: una sola antenna TV per 88 ville

È stata così creata una rete di 3.500 metri, sviluppata lungo 12 rami a servizio di 600 prese TV e satellitari, in cui sono stati inseriti esclusivamente prodotti Bticino.

I prodotti Bticino utilizzati nel progetto

Soluzioni in Fibra ottica: STOA e CSOE C9
Serie civile: Living Light e Living Now
Citofoni esterni Classe 100
Termostato SX8000 Smarther by Netamo

Sui muri delle recinzioni ha trovato posto il CSOE TV (Centro Servizio Ottico di Edificio TV) BTicino, che raccoglie il cavo proveniente dal terminale di testa (fibre di TV/satellite) per smistare i segnali televisivi nelle unità abitative attraverso uno splitter.

Si tratta di un apparecchio apparentemente semplice, ma la sua qualità è determinante per l’affidabilità del segnale video nel tempo.

Per la stessa ragione all’interno delle ville sono state inserite le scatole di terminazione ottica di Appartamento (STOA) proposte da Bticino, dotate di un cavo ottico a 8 fibre con una bobina di cavo preterminata.

Un accorgimento che ha evitato la necessità di creare giunzioni o raccordi con connettori in cantiere.

Un’operazione, quest’ultima, che avrebbe richiesto molto tempo, non garantendo i livelli raggiunti dalla connettorizzazione in fabbrica.

L’installazione dei prodotti Bticino è stata seguita dall’impresa De Vanna.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: il Bim per l’Asset Management con la ISO 19650-3

Il Bim per l’Asset Management visto con la lente di un approccio internazionale, attraverso l’adozione della ISO 19650-3, con Emilia Cardamone e Fabio Piraino di Bsi Group Italia

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php