Home Smart city Trend Micro mette al sicuro i veicoli connessi con VicOne

Trend Micro mette al sicuro i veicoli connessi con VicOne

Entro il 2025 le auto connesse in circolazione potrebbero essere oltre 400 milioni: in questo contesto, lo specialista della cybersecurity Trend Micro ha presentato VicOne, per la protezione dei veicoli elettrici e connessi.

Gastone Nencini, Country Manager di Trend Micro Italia, ha affermato: “In Trend Micro siamo spinti dal desiderio di proteggere il mondo connesso e continuiamo a esplorare i nuovi modelli di business e le nuove aree della supply chain.

Attraverso VicOne vogliamo anticipare l’urgente necessità OEM per una maggiore cybersecurity in campo automobilistico. VicOne si basa sulle migliori innovazioni di Trend Micro e offrirà un enorme valore al settore“.

I veicoli elettrici – sottolinea Trend Micro – sono sempre più esposti alle minacce digitali e a una serie di nuovi scenari di attacco. Original Equipment Manufacturers (OEM) e fornitori devono garantire delle soluzioni complete per la sicurezza informatica, anche per essere conformi al nuovo regolamento delle Nazioni Unite, WP.29 (ONU – R155).

I security operation center dedicati alla sicurezza dei veicoli (SOC) sono un passaggio fondamentale per i produttori di auto che desiderano essere conformi alle normative offrendo un rilevamento e una risposta avanzati alle minacce per i veicoli software-defined.

Il security operation center di VicOne integra i servizi IoT di Microsoft Azure per raccogliere i dati telemetrici e altre informazioni importanti nelle automobili connesse e utilizza i servizi dati di Azure per analizzare le minacce e le violazioni della sicurezza.

Trend Micro VicOne

Soren Lau, General Manager of Asia and EMEA, IoT Partner Solutions at Microsoft, ha affermato: “La sicurezza informatica è parte integrante dell’ecosistema dei veicoli elettrici. Microsoft fornisce un servizio di piattaforma completo e aperto con una mentalità zero-trust.

Non vediamo l’ora di collaborare con Trend Micro e VicOne per abilitare soluzioni di sicurezza end-to-end per telematica e veicoli elettrici tramite Microsoft Cloud e funzionalità di intelligenza artificiale all’interno dei servizi IoT di Azure”.

Trend Micro cita anche Gartner, che suggerisce inoltre che l’industria automobilistica dovrebbe “collaborare con esperti di sicurezza informatica in grado di valutare e proporre un’ampia gamma di contromisure. Bisogna essere orientati al futuro ed evitare di fare solo il minimo per mitigare tutte le minacce elencate dal regolamento. In questo modo è possibile rimanere al passo con i criminali informatici“.

Come parte di questo impegno, Trend Micro ha formato una partnership strategica con MIH Consortium, un insieme di piattaforme EV guidate da Foxconn, e ha recentemente aderito all’iniziativa Scalable Open Architecture for Embedded Edge (SOAFEE), che ha l’obiettivo di fornire un’architettura cloud-native per lo sviluppo di veicoli software-defined.

Queste azioni rafforzano la posizione di Trend Micro al centro della supply chain dei veicoli, nel momento in cui gli stakeholder del settore investono più tempo e risorse per essere conformi alla sicurezza informatica.

Trend Micro ha annunciato che offrirà soluzioni end-to-end per l’ecosistema automobilistico attraverso una sussidiaria denominata VicOne.

L’efficace combinazione di un SOC del veicolo con una sicurezza over-the-air, la sicurezza a bordo del veicolo, i test di penetrazione as-a-service e la gestione delle vulnerabilità aiuterà gli analisti a vedere di più e a rispondere più rapidamente agli incidenti, assicura l’azienda.

Leggi tutti i nostri articoli sulla cybersecurity

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: il Bim nel cloud, aumentare la produttività

Per il ciclo di webinar proposti da Assobim: il Bim nel cloud, aumentare la produttività con la condivisione e il coordinamento dei dati

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php