Home Smart home La casa del futuro nell'era del 5G sarà un hub digitale

La casa del futuro nell’era del 5G sarà un hub digitale

La casa del futuro verterà su un sistema di servizi digitali connessi erogati da operatori Telco, di telefonia mobile, incumbent e gestori di reti in fibra o satellitari e sarà così il centro della vita di comunità.

L’assunyoo emerge da un nuovo libro di Accenture, The Future Home in the 5G Era: Next Generation Strategies and Business Models for Hyper-Connected Living, scritto dagli esperti del settore Jefferson Wang e Boris Maurer.

ll libro, scritto prima della pandemia da Covid-19, descrive un’idea di casa del foturo fondata sulle reali esigenze delle persone, emerse e rafforzate durante il periodo di lockdown.

Il volume disegna una panoramica delle diverse tipologie di case iperconnesse, che offrono servizi personalizzati per il lavoro da casa, l’apprendimento a distanza, l’assistenza sanitaria e la telemedicina, le comunicazioni sociali, l’intrattenimento immersivo, le relazioni sul territorio e l’assistenza all’infanzia o ai più anziani.

Si tratta di servizi innovativi, in grado di rivoluzionare l’esperienza dei cittadini dentro e fuori la casa del futuro, che i gestori dei servizi di comunicazione sono in grado di sviluppare e promuovere meglio di altri player in virtù delle loro competenze tecnologiche e della relazione di fiducia che hanno instaurato con i propri clienti.

Per Accenture devono però essere in grado di crearsi un nuovo modello di business.

Il fattore abilitante per le abitazioni di prossima generazione sono le connessioni mobili 5G, che però sono ancora lontane dall’essere disponibili in gran parte del territorio.

Man mano che si diffonderanno, i servizi digitali potranno compiere un vero e proprio salto di qualità, facendo diventare una realtà la casa del futuro, che sarà al centro di un mercato composto da a sistemi tecnologici realizzati dai produttori di dispositivi, operatori di piattaforme e designer di applicazioni, aziende che rispondono alle esigenze prioritarie dei consumatori come quelli legati alla sanità e ai beni di consumo.

Casa del futuro, cosa devono fare le Telco

Per Marrone la casa del futuro dovrà essere sinonimo e simbolo di affidabilità e protezione,  un hub digitale dove cloud, riservatezza dei dati e security costituiscono le fondamenta del nuovo modo di abitare, che si estende oltre i tradizionali limiti del fisico per far sentire il consumatore a casa ovunque si trova, anche attraverso i device mobili.

Per essere i protagonisti dell’ecosistema della casa connessa, i gestori dei servizi di comunicazione dovranno trasformare la cultura aziendale e il proprio modello di business con un percorso strategico capace di guidare la crescita e la redditività aziendali, supportando la sostenibilità delle proprie attività e costruendo un rapporto di fiducia con i consumatori e gli stakeholder.

Sono sei i punti chiave individuati da Accenture per le Telco.

Reinventare il front office in ottica digitale, per offrire ai clienti un’esperienza interattiva in tempo reale, dando ai consumatori il controllo sulla propria casa del futuro.

Modernizzare il back office per renderlo snello e agile, sostenendo così i modelli di business innovativi e dinamici nonché le relative frequenti interazioni con i clienti.

Formare il personale con competenze radicalmente diverse, indispensabili per muoversi con successo nel nuovo mondo dei servizi.

Adottare un processo di sviluppo di prodotto rapido per tenere il passo con i bisogni in continua evoluzione degli utenti.

Realizzare piattaforme tecnologiche agili in grado di migliorare rapidamente e ospitare ecosistemi costituiti da un ampio numero di partner.

Attivare uno strato di connessione pervasivo che leghi il 5G e tutti gli altri elementi, al fine di assicurare la connettività ubiqua richiesta dalla casa del futuro.

Michele Marrone, Accenture

Per Michele Marrone, Responsabile Media, Communications & Technology di Accenture Italia “la maggior parte della popolazione globale ha riprodotto nella propria casa una società in miniatura, dove lavorare, istruire i propri figli, svagarsi e interagire con il personale medico e sanitario.  I gestori dei servizi di comunicazione devo rispondere rapidamente e con efficienza a questi cambiamenti, promuovndo un ecosistema in grado di progettare, creare e diffondere su larga scala un nuovo modello di casa iperconnessa del futuro”. 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Tutorial Bim: l’Ambiente di Condivisione Dati

L'Ambiente di Condivisione Dati, denominato ACDat nella norma UNI 11337-5, o CDE, Common Data Environment, nelle BS PAS 1192 inglesi, è un elemento cardine nell’approccio Bim oriented

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php