Home Smart home Cloud e mixed reality per la climatizzazione e il riscaldamento

Cloud e mixed reality per la climatizzazione e il riscaldamento

Abilitare una customer experience più coinvolgente e immersiva, sin dal sopralluogo virtuale per gestire in sicurezza la proposta di climatizzazione e riscaldamento,  in linea con le esigenze dei singoli, fino alla consulenza da remoto per efficientare le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Questo l’obiettivo di Ferroli, storica azienda veneta della climatizzazione e del riscaldamento, che tramite una partnership strategica con Microsoft e il partner Hevolus e ha realizzato il progetto MixedReality@Ferroli con cui ripensa la customer experience, potenziando la rete di vendita e i servizi di assistenza attraverso le nuove tecnologie.

Sul cloud Microsoft Azure e sulla realtà mista di HoloLens, Ferroli ha dato vita a un Mixed Reality Store per migliorare l’efficienza e l’efficacia del network dei Ferroli Partners al servizio dei consumatori finali, dalla fase di proposta e progettazione della soluzione più adatta alle esigenze dell’utente finale, sia residenziale che professionale, alla fase di installazione, fino alla manutenzione dei prodotti.

Ferroli ha così sviluppato un progetto di trasformazione digitale caratterizzato da una grande varietà di soluzioni per peso e dimensioni difficilmente mostrabili in loco, nonché richiedenti particolare expertise per l’installazione e le successive operazioni di manutenzione.

La piattaforma digitale MixedReality@Ferroli integra le diverse soluzioni tecnologiche sviluppate negli anni da Ferroli per migliorare la capacità degli installatori di proporre climatizzatori e caldaie in linea con le esigenze dei singoli e con i vincoli degli spazi domestici/commerciali, e al contempo ad ottimizzare le attività di supporto e assistenza post-vendita per garantire un ottimale ciclo di vita dei prodotti e una maggiore soddisfazione del consumatore.

Il nuovo “Mixed Reality Store” di Ferroli fa leva sul visore olografico Microsoft HoloLens 2 e sulle proiezioni di realtà aumentata e mista sviluppate da Hevolus per supportare da remoto i clienti e i professionisti nella decisione di configurare nuove soluzioni di climatizzazione o di sostituire la propria vecchia caldaia.

Attraverso sessioni condivise di interazione in realtà aumentata e grazie alle potenzialità dei servizi cognitivi Azure, il Ferroli Partner incaricato entra così in contatto con il cliente, visita virtualmente il sito di intervento, rileva vincoli fisici e dimensionali della location, per poi mostrare le proiezioni digitali 3D (digital twin) dei prodotti più adatti alle esigenze, inseriti direttamente sul muro al posto delle precedenti soluzioni di climatizzazione o della vecchia caldaia.

La customer experience viene quindi arricchita sfruttando intelligenza artificiale e realtà mista coinvolgendo il cliente in modo più interattivo nella scelta di quelli che sono sì prodotti tecnici, ma con una valenza importante in termini di design e funzionalità.

Una volta configurata la proposta per il cliente finale, il sistema MixedReality@Ferroli consente al Ferroli Partner di procedere all’ordine del prodotto selezionato, eventualmente guidando i professionisti coinvolti nelle installazioni più complesse con il coinvolgimento virtuale da sede di un Technical Support Engineer di Ferroli.

Il Mixed Reality Store supporta infatti la condivisione di note, immagini, animazioni dei modelli 3D, schede tecniche e istruzioni di montaggio, rendendo così l’operatore di prima linea totalmente autonomo nell’esecuzione di ogni tipo di intervento sulla macchina.

Climatizzazione e riscaldamento sempre controllate

Contestualmente, il nuovo “Mixed Reality Store” di Ferroli intende offrire un ulteriore elemento a vantaggio del customer journey, che non si conclude con l’acquisto bensì prosegue per l’intero ciclo di vita del prodotto.

Attraverso un’applicazione olografica per smartphone e tablet, sviluppata da Hevolus a partire dal cloud Azure, i clienti potranno verificare più facilmente lo stato di funzionamento dell’impianto e procedere in autonomia alla risoluzione di eventuali problematiche sotto la guida di esperti collegati da remoto in un meeting peer-to-peer in realtà aumentata.

Indossando Microsoft HoloLens 2 gli addetti al supporto tecnico potranno recuperare istruzioni e modelli 3D utili per la riparazione, senza abbandonare il contesto reale del lavoro e comunicando con gli esperti in tempo reale e a mani libere, attraverso la proiezione olografica abilitata dal visore.

In questo modo Ferroli punta a ottimizzare le attività di manutenzione, risolvendo velocemente anche le problematiche più complesse e inoltre potrà raccogliere in modo sicuro dati utili per analisi statistiche volte a migliorare non solo le attività di supporto, ma anche i prodotti stessi, contribuendo all’innovazione del settore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Tutorial: il Bim, lo standard IFC e l’interoperabilità

Uno dei cardini concettuali e funzionali della metodologia Bim è l’interoperabilità tra piattaforme software resa possibile dall’adozione di uno standard condiviso come l’IFC

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php