Home automation, Easydom semplifica la gestione con HoMe

Easydom HoMe

Avere una casa domotica è il desiderio di molti, ma per realizzarlo si deve riuscire a far dialogare al meglio fra loro prodotti differenti che usano “linguaggi” differenti.

Ben venga quindi un “interprete” come HoMe, la nuova proposta di Easydom, che permette di gestire la propria abitazione tramite l’uso di dispositivi portatili, dallo smartphone al tablet fino al notebook, in modo da avere la casa sempre sotto controllo, ovunque ci si trovi.

Il nuovo software HoMe consente di realizzare un sistema di domotica interamente personalizzabile e, precisa l’azienda, “realmente intelligente perché in grado in grado di comunicare con la casa (anche tramite Whatsapp) e di apprendere nuove funzioni”.

Attiva nel settore della home automation dal 2003 e partner Microsoft dal 2005, Easydom presenta HoMe come il prodotto software più potente mai realizzato per la gestione della smart home e capace di imparare le abitudini di chi vive in casa.

Il nostro impegno consiste nel proporre soluzioni di domotica semplici che riflettano uno standard qualitativo di livello elevato e percepibile dal cliente – afferma il fondatore di Easydom Sergio Tucci –. Ogni casa ha la propria anima. Dovrebbe sapere se non c’è nessuno ed essere in grado di riconoscerti e attivare le tue impostazioni personali. Come ogni giorno comunichiamo con le altre persone attraverso i social network, oggi sentiamo il bisogno di comunicare allo stesso modo anche con le nostre case. Del resto, la casa ha un ruolo speciale nella vita di ogni famiglia, chi meglio di lei può capire i nostri bisogni?”.

Un unico centro di controllo

HoMe rappresenta l’evoluzione dei sistemi di home automation realizzati da 15 anni a questa parte dalla società di Mariano Comense. Basato sull’ambiente Microsoft, ma disponibile a breve anche come app iOS e Android, il nuovo software è il centro di controllo da cui gestire tutta la casa, o meglio tutta la domotica della casa. Come detto, lo su può fare in modo visuale tramite dispositivo mobile oppure tramite voce con Alexa o Google Assistant.

Easydom HoMe
La versione per notebook di HoME mette in evidenza tutti i dispositivi che si possono gestire

Easydome HoMe è di fatto il primo sistema professionale di home automation in grado di far comunicare tutto l’impianto domotico con gli assistenti vocali di Google e Amazon. Basta inserire le credenziali Microsoft usate su Easydom Live e i due assistenti apprenderanno tutte le funzioni dell’impianto, riconosceranno e faranno interagire tutti gli oggetti IoT collegati sulla rete attraverso i comandi vocali. In questo senso, Easydom HoMe integra al suo interno la ricerca automatica dei dispositivi intelligenti che si trovano all’interno dall’abitazione. È come avere un motore di ricerca all’interno della rete domestica in grado di riconoscere i dispositivi compatibili per poter gestire tutto tramite Easydom.

Ogni oggetto diventa parte interattiva nella casa con le Genius Expression. Per ogni oggetto smart o dispositivo collegato a Easydom è possibile attivare una serie di operazioni connesse all’attivazione o disattivazione dello stesso. Per esempio, si può utilizzare lo stato di un sensore dell’antifurto per abilitare o disabilitare una luce, alla percentuale desiderata.

Oppure si può impostare una luce che accedendosi in una determinata fascia oraria farà partire in automatico l’apertura delle tende. In questo può aiutare la funzione orologio astronomico, che consente di programmare azioni orarie, legate alle fasi di alba e tramonto, consentendo una gestione del tempo in modo molto più intelligente. Ovviamente si ha un adeguamento automatico al cambiare delle stagioni e dei mesi.

Una spesa di 24 euro al mq

Nuovo è anche il player musicale integrato in Easydom HoMe che permette di selezionare la musica da Spotify o da un percorso di rete e metterla in play da ogni punto della casa in cui ci si trovi. Si possono così creare anche scenari multimediali selezionando il mood desiderato o l’artista preferito. E mentre sta suonando la musica il touchscreen Easydom Glass3, la centrale di controllo installata in casa, si trasforma in uno screen player dinamico con le informazioni sul brano e la foto dell’artista.

Da sottolineare che Easydom non vende direttamente all’utente finale e quindi la sua soluzione può esser richiesta solo a installatori autorizzati per effettuare una ristrutturazione o addirittura per un’installazione in fase di costruzione della casa. Easydom ha stimato che per un appartamento di 120 mq il prezzo di listino base per rendere la cosa domotica è di circa 24 euro al mq, per una spesa globale inferiore ai 3.000 euro.

Si tratta di una soluzione modulare, che quindi può crescere, anche in un secondo tempo. Eventualmente integra di anche nuovi dispositivi non ancora in commercio: Easydom ha infatti previsto la possibilità di creare app che consentano di integrare la gestione di tali prodotti all’interno di HoMe.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here