Home Strumenti R&P Engineering, il Bim e il CDE nei progetti complessi

R&P Engineering, il Bim e il CDE nei progetti complessi

R&P Engineering è una società multidisciplinare di ingegneria e architettura nata a a Serravalle Scrivia (AL) nel 1992 come studio associato, che ha cominciato la sua attività lavorando nel settore delle opere pubbliche e degli insediamenti residenziali.

Progressivamente ha ampliato l’intervento a tutti i settori dell’edilizia e delle opere pubbliche, in particolare agli studi e consulenze per la progettazione di interventi commerciali.

Oggi ha un team di circa 30 persone e segue tutte le fasi di una commessa: dalla pianificazione allo studio di fattibilità e masterplan di grandi interventi commerciali e produttivi, fino alle pratiche per i privati, come quelle connesse al Superbonus 110%.

Per gestire gli aspetti di preventivazione, quantity take off, analisi dei costi e budget di tutte le commesse, sia quelle più piccole che le più complesse, R&P Engineering ha implementato il software TeamSystem Construction Project Management, come spiegano il Bim Manager di R&P Engineering, ingegnere Luca Oscar, e il progettista, ingegnere Matteo Traverso.

L’informatizzazione e l’evoluzione tecnica negli ultimi anni di R&P Engineering ha riguardato soprattutto il Bim.

Abbiamo introdotto la metodologia Bim per gestire un progetto multidisciplinare a elevata complessità, quello di Caselle Open Mall, sito polifunzionale di circa 114mila m2 in un’area complessiva di 350mila m2 che sorgerà accanto all’aeroporto di Caselle e ospiterà 230 negozi, 50 punti di ristorazione e spazi destinati allo sport, all’entertainment e agli uffici. È un progetto a cui lavoriamo da circa dieci anni e che oggi è in uno stato avanzato: tra pochi mesi partiranno i lavori, la progettazione è terminata così come tutti gli iter di approvazione e le procedure amministrative. Data la complessità della commessa, non sarebbe stata possibile una gestione con mail e scambi di file con più interlocutori. Abbiamo quindi adottato un sistema CDE per gestire l’enorme mole di dati, collezionarli e renderli fruibili e interrogabili“.

RP Engineering

Dal 2017 R&P Engineering ha scelto di implementare TeamSystem CPM per collegare la parte di computo con l’avanzamento dei lavori. Questo era utile in un progetto complesso e in continuo mutamento, per avere così sempre le quantità aggiornate in modo automatico.

CPM aveva la potenza per gestire con semplicità moli di dati. La scelta di adottare CPM è nata con l’esigenza di gestire la particolare commessa di Caselle Open Mall, ma il software con il tempo è diventato parte integrante dei processi aziendali di  R&P Engineering e oggi è utilizzato per ogni lavoro: dal piccolo intervento all’enorme progetto commerciale. Anche su commesse piccole ci consente di gestire meglio i flussi di informazioni rispetto a prima.

Di TeamSystem CPM Oscar e Traverso dicono di apprezzare la possibilità di collegare oggetti al modello Bim e ottenere in modo semplice stime di costi e valutazioni di cambiamento, sia nelle scelte progettuali sia nelle quantità e nella tipologia di fornitura. “Ad esempio, nel progetto di Caselle alcune quantità erano state sottostimate in fase iniziale, abbiamo ripensato la progettazione in corso d’opera, tutto questo è stato possibile con molta semplicità. Inoltre, sulla commessa multidisciplinare abbiamo verificato le potenzialità di CPM nel gestire i flussi provenienti da altri software, riuscendo a importare senza problemi i file di preventivazione prodotti da altri, con altri software, senza perdita di dati e con la possibilità di filtrare qualunque quantità e qualunque grandezza“.

Da citare tra le funzionalità, per i tecnici di R&P Engineering , c’è la completezza dell’albero. “Nel 2017, quando abbiamo iniziato a usare il software, la progettazione di Caselle Open Mall era già iniziata e avevamo già degli elementi realizzati con un altro software. Senza perdita di tempo e di dati abbiamo trasferito tutte le informazioni a CPM in maniera quasi immediata: semplicemente modificando e personalizzando la visualizzazione dell’albero abbiamo ricreato la stessa struttura che avevamo in precedenza. Questo è stato un grande vantaggio, che ci ha consentito di non perdere raggruppatori e visualizzazioni. Abbiamo ripristinato la versione dell’albero che ci serviva, con un filtraggio molto semplificato che ci ha consentito una gestione immediata. Un’altra caratteristica rilevante è la possibilità di inserire all’interno dell’albero le voci dei prezzari, semplicemente con un copia-incolla dall’elenco prezzo. In un progetto molto complesso questo risulta particolarmente utile“.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: metodi e strumenti per condurre verifiche sui modelli Bim

Massimiliano Baraldo di One Team ci fornisce una panoramica su tecniche e strumenti per verifiche utili al Model e Code Checking, principalmente per modelli creati con Autodesk Revit

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php