Home BIM Bim e generative design: la progettazione integrata uomo-macchina

Bim e generative design: la progettazione integrata uomo-macchina

Il Generative Design è concettualmente parte del Computational Design, in quanto in entrambi i casi la radice metodologica progettuale trova le sue basi nella collaborazione tra uomo e macchina.

Nella terminologia afferente al Building Information Modeling si sta facendo sempre più presente la definizione di generative design.

Un ambito che si inserisce nella più ampia branca del cosiddetto Computational Design, disciplina che fonde il tradizionale approccio creativo e funzionale del design con un approccio matematico fondato su algoritmi utilizzati dalla computazione per tradurre il primo in termini di calcolo.

Compito della computazione, in particolare, è tradurne la complessità in informazioni elementari e dati, che vengono utilizzati da specifici algoritmi per offrire soluzioni al tema progettuale di partenza.

Una volta definiti dal progettista obiettivi e vincoli del progetto, questi vengono formalizzati all’interno di un software dedicato tramite dati geometrici, fisici, prestazionali e computazionali

A questo scopo, tramite apposite piattaforme software, il progettista è chiamato ad inserire all’interno di queste ultime una serie di parametri, che verranno elaborate dal software stesso in una forma creata sulla base di tali parametri (motivo per cui il design computazionale viene comunemente definito e considerato come forma di modellazione parametrica).

In base a questa ottica possiamo definire il Generative Design come parte del Computational Design, in quanto in entrambi i casi la radice metodologica progettuale trova le sue basi nella collaborazione tra uomo e macchina, con il primo a definire procedure e obiettivi del progetto e la seconda a generare alternative e individuare le soluzioni più idonee.

generative design
Sulla base dei dati inseriti il software genera in base a specifici algoritmi un grande numero di possibili opzioni e le relative prestazioni, che dovranno poi a loro volta essere vagliate nuovamente dal progettista

La fase concettuale di pertinenza del progettista prevede innanzitutto la definizione degli scopi e dei vincoli relativi al progetto, che vengono formalizzati all’interno di un software dedicato tramite l’input di dati geometrici, fisici, prestazionali e computazionali; su questa base il software analizza i dati in base a specifici algoritmi e genera un grande numero di possibili opzioni e le relative prestazioni, che dovranno poi a loro volta essere vagliate nuovamente dal progettista e, se necessario, ulteriormente modificate in base a nuovi parametri e vincoli.

Il Generative Design permette, in altre parole, di ampliare enormemente il potenziale del processo progettuale, consentendo di analizzare tutte le varie possibilità con estrema rapidità e una completezza difficilmente ipotizzabili demandando tale attività esclusivamente al fattore umano.

Il Generative Design permette di analizzare tutte le varie possibilità con estrema rapidità e una completezza difficilmente ipotizzabili demandando tale attività esclusivamente al fattore umano

Tale tecnologia infatti automatizza l’analisi simultanea di tutti i progetti e la visualizzazione di tutte le metriche, consentendo di conseguenza di progettare e costruire in tempi più rapidi e con risultati finali di maggiore qualità e un grado di congruità agli obiettivi di progetto più elevato.

Gli esempi dell’efficacia di questo approccio metodologico sono numerosi e il loro potenziale evidente. Si pensi, ad esempio, alla progettazione di grandi strutture ricettive o sportive, dove all’obiettivo primario di massimizzare la capacità della struttura stessa si contrappone l’esigenza di mantenere un elevato livello di fruibilità ed esperienza.

Poiché quest’ultimo parametro può essere quantificato matematicamente il valore ottenuto può essere rapportato alle dimensioni della struttura stessa e, attraverso l’utilizzo di un sistema generativo, ciò consente di individuare le soluzioni idonee a soddisfare al meglio entrambi i parametri.

Altri esempi possono riguardare la scala dell’ambito urbano, come nel caso della realizzazione di aree di parcheggio che devono da un lato assicurare il maggior numero possibile di posti auto ma al tempo stesso garantire i necessari spazi di manovra, o strutture con un alto traffico interno come quelle mediche, altro caso in cui la ricettività deve essere coniugata con la necessità di ottimizzare i percorsi interni in modo da rendere ogni area rapidamente raggiungibile.

Non solo: il Generative Design offre opportunità altrettanto interessanti anche al mondo della produzione, consentendo ad esempio di ottimizzarne i processi in modo da ridurre al minimo gli scarti di lavorazione o definire i requisiti dimensionali ottimali in funzione della destinazione d’uso di un materiale o componente.

Con il contributo di Assobim

Assobim

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Il Bim e l’interazione con i nuovi device per l’acquisizione dati

L’integrazione fra il Bim e avanzate tecnologie di rilievo ed elaborazione dei dati come il laser scanning, a terra e tramite droni, e i software di gestione ed elaborazione

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php