<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Progetti Città più sostenibili, Dassault Systèmes reimmagina la Torre Eiffel

Città più sostenibili, Dassault Systèmes reimmagina la Torre Eiffel

A più di 130 anni dalla costruzione della Torre Eiffel, Dassault Systèmes ha reimmaginato il simbolico monumento francese per dimostrare come i mondi virtuali possano guidare la trasformazione delle città e delle infrastrutture verso un futuro più sostenibile.

Il programma “Building Tomorrow” ha riunito un team di esperti di Dassault Systèmes provenienti da diversi settori industriali per utilizzare la piattaforma 3DEXPERIENCE con l’obiettivo di progettare e costruire una versione a basse emissioni di carbonio, circolare e rigenerativa della torre in grado di affrontare le principali sfide della sostenibilità, come l’accelerazione urbanistica, le emissioni di gas serra e il consumo energetico.

Il progetto si proponeva di mostrare come le autorità pubbliche, gli ingegneri, gli architetti, gli esperti di logistica e i costruttori possano collaborare in modi nuovi per consentire pratiche più circolari lungo tutta la catena del valore, che abbiano un impatto positivo su qualsiasi scala e migliorino la qualità della vita.

Partendo da un progetto esclusivo dell’architetto Nicolas Laisné, il team ha utilizzato la piattaforma 3DEXPERIENCE per creare un gemello virtuale della torre: un giardino verticale ornato da 18.038 alberi (che corrisponde al numero di parti metalliche della Torre Eiffel), 5.500 metri quadrati di serre e capannoni da giardino, 451 specie di piante e 200 giardini sperimentali e condivisi.

Torre Eiffel Dassault Systèmes

Sperimentando il gemello virtuale con insight in tempo reale e basati su dati provenienti da tutta la catena del valore, il team ha dimostrato che i grandi progetti infrastrutturali possono essere costruiti in modo più sostenibile attraverso la progettazione collaborativa tra tutti gli stakeholder, l’ottimizzazione delle operazioni e della gestione delle risorse, la produzione di materiali a basse emissioni di carbonio, la pianificazione logistica sostenibile e la costruzione produttiva.

Ad esempio, il team di “Building Tomorrow” ha analizzato l’impatto di diversi scenari di costruzione, come l’altezza della nuova torre sul quartiere in termini di ombra, flusso d’aria e calore, e ha modellato le esigenze di consumo idrico della vegetazione. Ha inoltre ottimizzato l’approvvigionamento, il trasporto e il processo di produzione dell’acciaio per la struttura, senza comprometterne la resistenza e le prestazioni, e ha applicato il principio di produzione delle industrie manifatturiere al processo di progettazione e costruzione.

La soluzione Life Cycle Assessment di Dassault Systèmes ha svolto un ruolo chiave nel processo decisionale strategico del team, ha affermato l’azienda, consentendo di assegnare punteggi di impatto ambientale a ciascun processo lungo il ciclo di vita, dall’approvvigionamento delle materie prime alla consegna dei prodotti finiti.

Il progetto “Building Tomorrow” comprende una replica della torre alta due metri e stampata in 3D. Sul sito dell’azienda sono disponibili ulteriori informazioni sul programma “Building Tomorrow” di Dassault Systèmes e sulle diverse fasi della catena del valore.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: plug-in o IFC, due approcci per l’analisi energetica

Il ciclo di webinar proposti da Assobim prosegue, con una puntata su plug-in o IFC: qual è l’approccio migliore al BIM per l’analisi energetica?

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php