Home BIM I progressi del Bim nella Pubblica Amministrazione

I progressi del Bim nella Pubblica Amministrazione

L’adozione del Bim nelle commesse della pubblica amministrazione sta progressivamente diffondendosi in linea con le disposizioni e la roadmap temporale definite dal DM 560/2017.

Molto è stato detto sui vantaggi che l’impostazione concettuale del Building Information Modeling e la sua completezza informativa riserva ai professionisti della progettazione sotto svariati profili.

Meno discusso, ma altrettanto dirompente, è il contributo di questa metodologia nell’ambito delle commesse pubbliche, in cui l’adozione del Bim sta progressivamente diffondendosi in linea con le disposizioni e la roadmap temporale definite dal DM 560/2017.

Il BIM ha un rilevante impatto sulle opere di iniziativa pubblica in quanto consente alle stazioni appaltanti di indire la gara d’appalto avendo già simulato, valutato e corretto il progetto

Alcune ricadute sono facilmente individuabili in quanto sostanzialmente sovrapponibili a quelle già dettagliatamente esplorate nell’ambito privato, in particolare per quanto riguarda la riduzione dei costi (che alcune statistiche stimano intorno al 20%), ottimizzazione dei processi con conseguente riduzione degli sprechi, riduzione degli errori di progettazione e delle conseguenti varianti in corso d’opera, precisa definizione di tempi e costi di realizzazione.

Pubblica Amministrazione
Il Building Information Modeling permette di elaborare e analizzare molteplici alternative e confrontare più soluzioni, tempi e costi

Il tema del controllo dei processi legato a tutti questi aspetti è di importanza cruciale soprattutto per uno dei numerosi risvolti del Bim, quello legato alla verifica preventiva e in generale alla predittività del suo approccio, che consente un’individuazione precoce delle problematiche di ordine progettuale, esecutivo e gestionale. Un tema ancor più rilevante per le opere di iniziativa pubblica, in quanto consente alle stazioni appaltanti di indire la gara d’appalto avendo già simulato, valutato e ove necessario corretto il progetto.

I vantaggi offerti dal Bim nella Pubblica Amministrazione, in sede di bandi di gara, di appalto e quindi di realizzazione (e in futuro anche di manutenzione e gestione) non si esauriscono tuttavia in questi sia pure importanti aspetti.

Va infatti innanzitutto osservato come il Building Information Modeling rappresenti uno strumento di supporto alle decisioni di estrema efficacia, in quanto permette di elaborare e analizzare molteplici alternative e confrontare più soluzioni, tempi e costi, aiutando la stazione appaltante sia in una migliore messa a punto del bando di gara, sia nella valutazione delle offerte.

Un altro aspetto del BIM di importanza cruciale nell’ambito delle gare pubbliche è la precisa definizione di quantità e costi derivabili dal modello, preziosa sia in fase di offerta che di gestione degli acquisti

Un altro aspetto di importanza cruciale nell’ambito delle gare della Pubblica Amministrazione è la precisa definizione di quantità e costi derivabili dal modello Bim, anch’essa estremamente preziosa sia in fase di offerta che di gestione degli acquisti, così come della pianificazione temporale della fase di costruzione, anch’essa simulabile e verificabile sia nel complesso dell’opera che nell’esecuzione di singole sue parti e utilizzabile per la definizione di un cronoprogramma lavori di estrema precisione.

Pubblica Amministrazione
Il Bim offre un importante contributo anche alla sicurezza e alla logistica di cantiere, alla programmazione delle lavorazioni e alla gestione dell’avanzamento lavori

Altrettanto strategica in ambito pubblico è la stima dei costi, la cosiddetta “quinta dimensione” del Bim.

In questo ambito la possibilità di collegare ogni singolo elemento contenuto nel modello al relativo costo permette simulazioni estremamente precise e costantemente aggiornate nel tempo, con un livello di controllo difficilmente raggiungibile dalle metodologie tradizionali.

Ultimi ma non meno importanti sono tutti gli aspetti legati alla materiale realizzazione dell’opera, con particolare riguardo alla sicurezza e alla logistica di cantiere, alla programmazione delle lavorazioni e alla gestione dell’avanzamento lavori.

Con il contributo di Assobim

Assobim

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: integrazione tra BIM e GIS attraverso il LOIN

I livelli di fabbisogno informativo sono costruiti su un framework basato su due livelli, i prerequisiti ed il contenuto: li affrontiamo in un webinar con un Bim Manager, Daniele Boni di One Team

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php