Home Smart home Matter, nuovo standard di connettività sicura per la smart home

Matter, nuovo standard di connettività sicura per la smart home

La Connectivity Standards Alliance (CSA), precedentemente nota come Zigbee Alliance, ha annunciato Matter, lo standard di connettività interoperabile e sicuro per il futuro della smart home.

Connectivity Standards Alliance è un’organizzazione che riunisce centinaia di aziende che creano, mantengono e forniscono standard aperti e globali per l’Internet of Things (IoT).

Amazon, Apple, Comcast, Google, SmartThings e la Connectivity Standards Alliance si sono riuniti nel 2019 per sviluppare e promuovere questo nuovo standard, insieme alle altre aziende membri del consiglio dell’Alliance, IKEA, Legrand, NXP Semiconductors, Resideo, Schneider Electric, Signify, Silicon Labs, Somfy e Wulian.

CSA

AL momento, tra i membri della CSA ci sono più di 180 organizzazioni di tutte le dimensioni e da una gamma di categorie commerciali, e oltre 1.700 individui; tutti partecipano a portare sul mercato specifiche, implementazioni di riferimento, strumenti di test e programmi di certificazione per Matter.

Il contesto è quello della proliferazione di oggetti connessi che continua a cambiare il nostro modo di vivere, lavorare e giocare. Dalle case agli uffici, dalle fabbriche agli ospedali, gli oggetti connessi ci permettono di sperimentare i nostri ambienti in modi coesivi e interattivi, sottolinea la CSA.

Eppure, per troppo tempo piattaforme scollegate e percorsi di sviluppo disparati hanno causato confusione per i consumatori e processi complicati per sviluppatori e innovatori. Gli smart objects secondo la CSA dovrebbero essere affidabili, sicuri e funzionare insieme.

E questa è la visione condivisa dietro il progetto Connected Home over IP (CHIP), ora conosciuto come il nuovo standard: Matter.

Matter

Matter, ha spiegato la CSA, è il protocollo di connettività unificato basato su IP costruito su tecnologie collaudate, che aiuta a connettere e costruire ecosistemi IoT affidabili e sicuri. Questa nuova tecnologia e standard di connettività royalty-free abilita le comunicazioni tra una vasta gamma di dispositivi intelligenti. Matter è anche un sigillo di approvazione, che assicura che qualsiasi oggetto costruito su questo standard è affidabile per natura, sicuro per progettazione e compatibile su scala.

Secondo le intenzioni dei promotori, Matter renderà più facile per i produttori di dispositivi costruire device e garantire che siano compatibili con la smart home e i servizi vocali come Alexa di Amazon, HomeKit di Apple con Siri, Assistant di Google, SmartThings e altri.

La prima versione delle specifiche del protocollo Matter funzionerà su tecnologie di rete esistenti come Ethernet (802.3), Wi-Fi (802.11), e Thread (802.15.4) e, per facilitare la messa in funzione, Bluetooth Low Energy.

Gli sviluppatori dello standard intendono ottenere alcune caratteristiche chiave. Innanzitutto la semplicità: deve essere facile da acquistare e usare e semplificare le esperienze connesse. Poi, l’interoperabilità: far sì che i dispositivi di marche diverse funzionino insieme in modo nativo, fornendo una maggiore compatibilità. Affidabilità, per una connettività locale coerente e reattiva, sicurezza e flessibilità: Matter è progettato per rendere facile per gli utenti impostare e controllare i loro dispositivi con più ecosistemi contemporaneamente.

Per quanto riguarda la disponibilità, all’inizio di maggio la specifica di base completa delle funzionalità è stata approvata dal gruppo di lavoro Matter. Raggiungere questa milestone ha dato ai membri una definizione delle caratteristiche principali per costruire l’implementazione open source e testare la specifica.

Secondo la CSA il progetto è attualmente sulla buona strada per vedere i primi dispositivi passare attraverso la certificazione alla fine del 2021, a seconda dei piani di go-to-market dei produttori.

Sul sito di Matter sono disponibili tutte le informazioni sullo standard.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: Hbim, gestire le dimensioni oltre al 3D

Con Hbim si indicano quei progetti che applicano la metodologia Bim agli interventi di recupero del patrimonio esistente. Un caso scuola illustrato da Stefano Amista di Teamsystem Construction e dall'architetto che lo ha seguito, Ilario Tassone

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php