Home Smart home Vaillant rilascia aroTHERM plus, la pompa di calore ecologica

Vaillant rilascia aroTHERM plus, la pompa di calore ecologica

Vaillant ha annunciato il lancio di aroTHERM plus, la nuova soluzione monoblocco in grado di fornire in un unico sistema riscaldamento, raffrescamento e produzione d’acqua calda (in abbinamento ad un bollitore).

Interamente sviluppata in Germania e prodotta negli stabilimenti Vaillant, questa pompa di calore è stata studiata per offrire le massime prestazioni in termini di efficienza, silenziosità, affidabilità e sostenibilità del prodotto.

Classe energetica A+++, che assicura bassi costi di esercizio, e l’impiego del gas refrigerante naturale R-290, che la rende conforme alla Direttiva Europea F-gas sulla riduzione dei gas contenenti fluoro, confermano aroTHERM plus quale prodotto estremamente ecologico.

Naturalmente, il nuovo prodotto di Vaillant permette ai clienti di accedere alle vantagiose detrazioni fiscali, come Ecobonus 65%, Bonus Casa 50% e Superbonus 110% (che riguarda nello specifico aroTHERM plus).

Abbiamo su questo tema chiesto al management di Vaillant: il tema Superbonus e i suoi reali effetti sul mercato sono largamente dibattuti.

Vaillant ci ha in effetti confermato che ad oggi la maggior parte degli input di acquisto sono determinati dagli incentivi fiscali già presenti: Ecobonus e Bonus Casa.

Vaillant, inoltre, tramite la propria rete di installatori certificati, consente di richiedere subito lo sconto in fattura pari alla detrazione fiscale di cui si ha diritto per gli interventi di riqualificazione energetica, per un risparmio immediato o una successiva cessione del credito ad altri soggetti.

Ci ha trovato perfettamente concordi un’interessante riflessione sulle ragioni di un vero e proprio boom di acquisti nel settore del comfort domestico, di cui Vaillant è un’ottima espressione.
Secondo i manager della società tedesca, il prolungato lockdown ha cambiato nel profondo il rapporto di molte persone con la propria abitazione. 
Non più luogo da vivere nel post-lavoro e saltuariamente nei weekend, ma ambiente totale, centro focale della quotidianità.
Questo ha spinto non pochi italiani a rivedere le necessita di comfort abitativo.
Inoltre, i manager hanno fornito un’ulteriore chiave di lettura: è probabile che il budget di solito riservato a viaggi e vacanze, di fatto impossibili, sia stato riallocato in soluzioni come quelle proposte da Vaillant.

aroTHERM plus: la pompa di calore con più green di Vaillant

Con questa nuova pompa di calore monoblocco disponibile in tre taglie, Vaillant ha deciso di andare incontro all’ultima tendenza del mercato europeo di investire al massimo in prodotti che utilizzano energia rinnovabile e al contempo impiegano refrigeranti a basso GWP, gli unici che nel lungo periodo potranno rimanere sul mercato.

Ecco quindi che l’uso di R290 – gas refrigerante con potenziale di riscaldamento globale GWP=3, quasi 700 volte meno del gas R410a (GWP=2.088) e 225 volte meno del gas R32 (GWP=675), che attualmente sono i più utilizzati nelle pompe di calore in commercio –risponde perfettamente a questa esigenza e rappresenta la migliore soluzione per ridurre la CO2 equivalente.
La nuova aroTHERM plus è quindi la pompa di calore con il minor impatto ambientale presente nel listino Vaillant, e ciò la rende un prodotto progettato e pronto per il futuro.

vaillant

Le caratteristiche evolute di aroTHERM plus

Oltre all’importante vantaggio per l’ambiente, aroTHERM plus si distingue per una serie di vantaggi che offre al consumatore: oltre a essere una delle pompe di calore più silenziose di sempre – 28 db(A) a 3m in modalità silenziosa (lo stesso rumore della ventola di un PC), ben si adatta a installazioni flessibili e può essere abbinata a pavimento radiante, fancoils e radiatori (previa verifica).
Queste caratteristiche, unite alle dimensioni contenute, rendono la nuova pompa di calore un prodotto idoneo sia in caso di ristrutturazioni sia per i nuovi edifici, per fornire riscaldamento, raffrescamento ed acqua calda sanitaria.

Come da tradizione Vaillant, aroTHERM plus offre qualità e affidabilità certificate da test rigorosi effettuati in condizioni reali presso i laboratori.
In particolare, i test effettuati sulle pompe di calore comprendono: test in camere climatiche, test di grandine, test in camere acustiche e test in ambiente salino per un prodotto che resiste alla corrosione anche in zone costiere marittime.
Inoltre, i clienti beneficiano della prima accensione gratuita e dell’assistenza estesa offerta della rete dei Centri di Assistenza Tecnica Ufficiali presenti su tutto il territorio nazionale, per interventi tempestivi e professionali in caso di necessità.

L’attenzione di Vaillant per la sostenibilità

La progettazione di aroTHERM plus rientra nella visione di Vaillant “Comfort for my home”, un’ambizione ed una responsabilità per il bene di milioni di case e per il clima globale.
Per un’azienda industriale che sviluppa riscaldamento ecologico altamente efficiente, affrontare il complesso tema della sostenibilità è un imperativo. Nel 2017, la società ha istituito una business unit autonoma per pompe di calore ed energie rinnovabili grazie a cui, nel 2018, è stato possibile ampliare il portafoglio di prodotti con pompe di calore che utilizzano energia rinnovabile, ossia che attingono energia dall’ambiente circostante – aria, acqua e terra – per generare calore senza produrre emissioni di CO2.
Inoltre, ricorda il management, Vaillant si è posto l’obbiettivo ambizioso di arrivare ad essere ad emissioni 0 entro il 2050.
Una sfida molto complessa per un grande gruppo manifatturiero, considerando anche il peso specifico non indifferente dei trasporti dei prodotti nel conto ecologico.
Siamo tuttavia certi che per Vaillant, che dal 1874 non ha mai smesso di innovare, anche questo sia solo un altro passo di un percorso fatto di continua evoluzione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: Hbim, gestire le dimensioni oltre al 3D

Con Hbim si indicano quei progetti che applicano la metodologia Bim agli interventi di recupero del patrimonio esistente. Un caso scuola illustrato da Stefano Amista di Teamsystem Construction e dall'architetto che lo ha seguito, Ilario Tassone

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php