Home Video Webinar: Hbim, gestire le dimensioni oltre al 3D

Webinar: Hbim, gestire le dimensioni oltre al 3D

Con la sigla Hbim (acronimo di Heritage Building Information Modeling) si indicano quei progetti che applicano la metodologia Building Information Modeling agli interventi di recupero del patrimonio esistente.

Si tratta di un settore applicativo del Bim ancora relativamente giovane, ma che ha senza dubbio un enorme potenziale.

Basti pensare, ad esempio, al patrimonio di edifici di altissimo valore storico, architettonico e monumentale presenti in Italia, per i quali l’Hbim potrebbe rappresentare un’eccellente alternativa rispetto ai metodi tradizionali di rappresentazione.

L’utilizzo del Bim in questo ambito, infatti, consentirebbe di creare un vero e proprio modello digitale contenente tutte le informazioni relative al manufatto, che poi possono essere utilizzate per il suo restauro o per la sua manutenzione e gestione.

Stefano Amista, Teamsystem Construction

La relazione di Stefano Amista di TeamSystem Construction vuole evidenziare, attraverso un esempio concreto, l’importanza anche nei casi di progetti Hbim delle potenzialità e dei vantaggi che si avrebbero integrando nella progettazione anche i processi 4D e 5D e in prospettiva il 6D e il 7D, evitando di concentrarsi solo sulla fase di progettazione pura, il 3D.

Infatti, una buona progettazione che include le informazioni utili alle successive dimensioni comporta dei vantaggi importanti in termini sia di qualità degli elaborati che si possono ottenere sia di ottimizzazione dei processi, anche per quanto riguarda i tempi.

Una buona definizione dei parametri nel modello 3D e l’interoperabilità assicurata dal formato Ifc consente di evitare doppi inserimenti delle informazioni e dover ripartire completamente da 0 per ogni “disciplina”.

Ilario Tassone

In particolare, grazie alla relazione dell’Arch. Ilario Tassone, verrà illustrato come sia possibile tutto questo prendendo spunto da un caso reale di ristrutturazione di un edificio storico: la Scuola Elementare di Piazza Caio Cestio a Norma (Latina).

Il caso di studio tratta di un vero e proprio Sistema di gestione Bim, sottolineando l’importanza dei dati nella gestione del patrimonio immobiliare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Webinar: il Bim per l’Asset Management con la ISO 19650-3

Il Bim per l’Asset Management visto con la lente di un approccio internazionale, attraverso l’adozione della ISO 19650-3, con Emilia Cardamone e Fabio Piraino di Bsi Group Italia

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php